Il Consiglio approva la variante di largo Tre Martiri

Largo Tre Martiri 5' di lettura 18/04/2024 - SI chiude con l’approvazione del Consiglio la delibera sull’“Approvazione di variante sostanziale al Prg relativamente all’intervento urbanistico unitario ‘Largo Tre Martiri’ ai fini della suddivisione dello stesso in quattro sub-comparti autonomi” (sì di 17 consiglieri; 8 contrari).

Prima della discussione, il consigliere Redaelli ha presentato una mozione d’ordine, «per rinviare la delibera. Sarebbe corretto ricominciare da zero l’iter». Contrari al rinvio 17 consiglieri, 8 i favorevoli.

L’assessora Della Dora ha illustrato il documento: «La delibera recepisce l’emendamento approvato nel precedente Consiglio comunale; lo integra nella parte dello stralcio della parte dell’infrastruttura viaria di collegamento tra lungofoglia Caboto e via Agostini, nel mantenimento della viabilità in doppio senso di marcia in lungofoglia Caboto e nella modifica della zonizzazione dei comparti 3 e 4. Alla delibera si aggiunge in questo terzo passaggio il parere della Provincia che indica che “dovrà essere adottata una soluzione progettuale che garantisca il collegamento ciclabile fra l’attuale pista di Via Lungofoglia Caboto e Largo Tre Martiri, al fine di dare continuità al tratto esistente e aumentare la sicurezza stradale dei ciclisti”». «Come già detto – ha precisato Della Dora – la variante prevede una riduzione del consumo di suolo. La suddivisione del comparto in 4 lotti riduce di 600mq la capacità edificatoria rispetto a quanto previsto dal Prg; il documento comporta anche una diminuzione del rischio idraulico negli edifici grazie allo studio di mitigazione svolto». L’assessora ha ricordato infine, «il valore aggiunto della delibera che è la riqualificazione dell’area ex Suzuki, su cui c’è la volontà di intervenire come garantito dagli stessi proprietari. L’intera città ha interesse a che l’ingresso nord della stessa sia riqualificato».

Redaelli: «Le criticità della delibera aumentano con la prescrizione della Provincia che chiede continuità alla ciclabile. Nelle tavole non si dà evidenza di come lo si farà. Se realizzata sul lato destro, sarà spezzata e “in curva”; se sul sinistro si incapperà nell’ostacolo degli alberi e nel restringimento delle corsie. L’intervento andava previsto adesso, se si farà in fase esecutiva non si riuscirà a gestire la situazione, la si subirà. È l’ennesimo errore di una delibera nata sbagliata».

Malandrino: «Non c’è in zona alcun bisogno di nuovi edifici. Erano previsti per una città di 24 anni fa. Favorevole alla rivisitazione dell’ex comparto Suzuki, un mostro edilizio ma non alla realizzazione di un edifico alto 18 metri dal piano stradale. Preferire una revisione del progetto volta a creare una zona che darà lustro alla città. C’è bisogno di verde».

G. Marchionni: «Negli ultimi Consigli comunali avevo chiesto se ci fossero stati tempi tecnici per la conclusione dell’iter. Dalla giunta mi è stato risposto negativamente, che sarebbe stata rimandata alle competenze della nuova amministrazione. Invece è arrivato il parere della Provincia, il più rapido mai emesso da una pubblica amministrazione». E ancora, «La delibera è stata strumentalizzata in termini elettorali dalla stessa persona che diede autorizzazione al Prg, di cui questa variante è frutto». La consigliera ha aggiunto: «Questo terzo passaggio in Consiglio rappresenta l’arroganza della giunta che amministra la città che vuole rimanere sorda nei confronti di un intero quartiere e delle 1000 firme raccolte».

Bellucci: «La delibera è iniziata in questa sala con molta sufficienza. Nel primo passaggio di dicembre, c’erano 20 consiglieri presenti su 33 e nessuno ha fatto interventi. È stata approvata in 5 minuti». E poi, «Condire pensieri personali o di parte con la parola arroganza rivolta ad altri non ci appartiene». Bellucci ha poi detto: «L’Amministrazione intende portare a conclusione un percorso; questo lo chiamo amministrare, non arroganza». «L’impegno dell’Amministrazione rispetto al comparto – ha detto Bellucci - oggi potrebbe avere una conclusione che consente il risanamento di un’area compromessa dal punto di vista della staticità, della sicurezza e del decoro. Faccio notare che nel Prg erano previsti 2 edifici (uno da 3, uno da 2 piani) con 1800 mq di superfici. La variante in discussione prevede un cambio sostanziale delle destinazioni d’uso (prima era terziario) diminuendo l’impatto di utilizzo delle stesse nell’area». Sulla ciclabile, «Il posizionamento è auspicabile lungo l’argine del fiume per non modificare la viabilità». Infine, «Capisco che chi ha un danno diretto sarà poco felice della scelta, ma in ballo c’è il futuro dell’intera città e occorre assumersi la responsabilità di un percorso».

Dallasta: «La prima previsione di Prg del comparto era irrealizzabile e ci salvava da quella assurdità ma il comune ha fatto peggio. Ha reso attuabile il comparto suddividendolo. Non ci si rende conto che andiamo a costruire sul bordo del Foglia mettendoci un edificio a 5 piani, e realizzandolo su un’area verde. Senza considerare il traffico che sarà implementato dai residenti di 3 palazzi, composti da quasi 40 appartamenti affacciati su una rotatoria».

Della Dora: «Sull’arroganza, restituisco il termine dall’altra parte del tavolo». Poi ha ricordato «le altre varianti approvate con una tempistica simile dalla Provincia». E ancora, «La delibera dà una soluzione; dall’altra parte ho sentito solo un rimandare, ma così non si amministra: per farlo occorre dare risposte e soluzioni praticabili».

Andreolli: «Sorpreso dell’iter della delibera. La volontà per cui è scritta, su cui c’è un consenso unanime, è un punto giusto». Questa è la prima delibera che nel corso dei 3 passaggi è sempre cambiata. Un metodo sbagliato di procedere. Votando questa delibera nessun potrà parlare di urbanistica partecipata. Contraria a una pianificazione condivisa. Profondamente contrario nel merito, nel metodo. È un errore portarla avanti.

Lugli: «Ammetto che la delibera non incontra il pieno consenso di tutti ma sostenerla è fondamentale per la riqualificazione urbana che quel territorio sta aspettando da troppo tempo». «È giunto il momento di procedere. La delibera dà il via a un processo importante, che porta risposte concrete a un territorio che le ha chieste più volte».

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su WhatsApp o Telegram? 
Per WhatsApp vai su https://whatsapp.com/channel/0029VaE9I7zHbFVAsvutVI2Z e clicca su "iscriviti" 
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"


Per segnalazioni invia il tuo messaggio su WhatsApp al 371.6438362 oppure via mail a pesaro@vivere.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-04-2024 alle 20:08 sul giornale del 20 aprile 2024 - 7844 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Comune di Pesaro, comunicato stampa, Largo Tre Martiri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eZlg





logoEV
logoEV
qrcode


.