Alluvione, il direttore generale Domenicucci: "Assegnati quasi cinque milioni in più"

alluvione pesaro 4' di lettura 08/02/2024 - Il presidente Giuseppe Paolini ha ringraziato in consiglio provinciale la consigliera Fernanda Sacchi (uscita dalla maggioranza con comunicazione pubblica nei giorni scorsi, ndr) «per lo spirito di onesta collaborazione che ha sempre dimostrato in questi anni. A lei i miei migliori auguri per il futuro».

Quindi le novità sulla ricostruzione: «Per l’emergenza alluvione del maggio 2023 alla Provincia è stato assegnato un finanziamento ulteriore di 4 milioni e 773mila euro con ordinanza del commissario straordinario alla Ricostruzione Francesco Paolo Figliuolo. Una cifra che si aggiunge ai 10 milioni del 2023. Mentre con l’adeguamento del cronoprogramma viene trasferito al 2024 il contributo regionale assegnato con ordinanza della presidenza del Consiglio dei ministri, pari a 13 milioni e 346mila euro e destinato all’emergenza alluvionale del settembre 2022. In totale ci sono quindi oltre 28 milioni, che ci consentiranno di portare avanti interventi importanti e necessari per il territorio». Lo ha riferito il direttore generale dell’Ente Marco Domenicucci, nella seduta che ha approvato all’unanimità le variazioni al bilancio di previsione e al Dup (Documento unico di programmazione) 2024-2026.

«Inclusi nella variazione – ha proseguito Domenicucci - i fondi per la manutenzione straordinaria sulla Strada provinciale 2 Conca Carpegna-Mercatino Conca (300mila euro con decreto regionale). Ulteriori risorse aggiuntive riguardano i lavori per la messa in sicurezza delle intersezioni stradali e l’adeguamento delle barriere sulla strada provinciale 6 a Pietrarubbia (228mila euro con fondi ministeriali)». Nell’elenco anche i lavori di ripristino per il Centro ittiogenico di Cantiano, danneggiato dall’alluvione del 2022 (585mila euro, finanziati in parte dalla Regione e in parte da risarcimenti assicurativi). «Sottolineiamo l’attenzione del governo verso il territorio dopo l’alluvione. I fondi non sono abbastanza per risolvere tutti i problemi ma sono importanti per la ricostruzione», ha evidenziato Domenico Carbone (Provincia in Comune). «La lentezza dell’erogazione dei finanziamenti» è stata rilevata dal presidente Paolini: «Lo riscontriamo a Cantiano, Pergola, Cagli e negli altri Comuni. Se il meccanismo fosse più celere i cittadini si troverebbero meno in difficoltà. Chiediamo più velocità a governo e Regione. Già da quest’anno alle Province sono stati tagliati altri 100 milioni su scala nazionale. È chiaro che da soli non ce la facciamo nelle emergenze».

FIUMI - Via libera al manifesto di intenti e obiettivi ‘Verso un contratto di fiume per il Biscubio, Bosso, Burano e Candigliano’ che verrà sottoscritto, oltre che dalla Provincia, anche da Regione; Unione montana Catria e Nerone; Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli (capofila), Cantiano, Piobbico, Serra Sant’Abbondio e Frontone, insieme a sindacati, associazioni, ordini professionali e altri enti coinvolti. La finalità è «attivare il processo partecipativo che possa portare alla redazione di un Programma d’Azione». Sarà quindi costituita l’assemblea del contratto di fiume come organo di guida strategica: «L’evento alluvionale dello scorso settembre – si legge nel documento – ha sconvolto il territorio con particolare riferimento al fiume Burano. C’è la necessità di rivedere e aggiornare i contenuti del manifesto sottoscritto nel 2016». Il contratto di fiume «intende mettere insieme i diversi attori del territorio - tra cui Autorità di Bacino, Provincia, Regione, Comuni, abitanti, portatori di interessi pubblici e privati - in un patto per la rinascita del bacino idrografico».

ILARIA SALIS – Approvato con l’astensione della minoranza l’ordine del giorno in merito al caso di Ilaria Salis, attivista e insegnante milanese di 39 anni, in carcere da quasi un anno a Budapest con l'accusa di lesioni aggravate nei confronti di due neonazisti nel corso delle manifestazioni per il “Giorno dell'onore”. Il testo richiama la Dichiarazione universale dei Diritti dell’uomo e la Costituzione dell’Unione europea: «Il governo italiano sostenga la garanzia di un processo equo e si impegni per la presenza dello Stato alle udienze del procedimento in qualità di osservatore, a difesa dei diritti costituzionalmente garantiti dei cittadini italiani». Così il capogruppo di ‘Provincia in Comune’ Domenico Carbone: «Noi astenuti non perché non vogliamo che questi cittadini non vengano tutelati nelle forme dello stato di diritto, ma perché pensiamo che sia più utile fare lavorare la diplomazia e la Farnesina senza politicizzare la situazione». Ha spiegato il presidente Paolini: «E’ un’iniziativa adottata da molti altri enti locali. Siamo d’accordo sul fatto che non vada politicizzata e da parte nostra non c’è alcun intento del genere. Lo avremmo fatto per chiunque in situazioni simili, perché pensiamo che ogni cittadino italiano debba essere tutelato nel rispetto della dignità umana».


   

da Provincia di Pesaro e Urbino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-02-2024 alle 18:12 sul giornale del 09 febbraio 2024 - 320 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, urbino, pesaro, pesaro e urbino, notizie pesaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eOL7





logoEV
logoEV
qrcode


.