Intervento straordinario, megaprotesi al ginocchio su una paziente di 97 anni

Intervento straordinario, megaprotesi al ginocchio su una paziente di 97 4' di lettura 02/12/2023 - Il primo intervento di megaprotesi al ginocchio su una paziente di 97 anni nel reparto di Ortopedia e Traumatologia dell’ospedale San Salvatore di Pesaro. Un’operazione eccezionale proprio per l’età avanzata della signora a cui è stato inserito un dispositivo sviluppato appositamente per fratture periprotesiche complesse, e che ha permesso alla paziente un recupero rapido e il graduale ritorno alla normalità.

“Grazie agli importanti progressi nell’ambito della chirurgia protesica – spiega il Direttore Generale Ast Pu Nadia Storti – un intervento di elevata complessità è stato possibile anche su una paziente anziana. E’ la dimostrazione dei passi in avanti che stiamo facendo, personalizzando le prestazioni e i percorsi di cura per una presa in carico complessiva che parte dalla diagnosi e arriva fino alla fine del trattamento. Voglio ringraziare tutta l’equipe della struttura di Ortopedia e di Traumatologia che continua a lavorare in questa direzione con l’obiettivo di aumentare costantemente la qualità, ridurre la mobilità passiva per le prestazioni che portano alcuni cittadini della nostra provincia a rivolgersi a realtà limitrofe”.
L'utilizzo delle megaprotesi di ginocchio, come dimostra questo caso, sta rivoluzionando la chirurgia ortopedica. Offre un'opzione chirurgica per pazienti con fratture periprotesiche complesse, anche in età avanzata, consentendo un recupero più rapido e una maggiore qualità di vita.

“L’unicità di questo intervento è legato proprio all’età della paziente – spiega il Direttore della Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia Luca Memè -. A 97 anni, molti operatori potrebbero essere restii ad eseguire un trattamento così complesso e invasivo. Tuttavia, grazie all'esperienza dei nostri ortopedici, la signora è stata sottoposta con successo all'intervento, dimostrando che l'età non deve essere un ostacolo per cercare di migliorare la qualità della vita di una persona. La megaprotesi è un dispositivo che è stato sviluppato appositamente per fratture periprotesiche complesse come quelle della signora, dove le normali protesi non sono più in grado di garantire la stabilità e la funzionalità necessarie. La megaprotesi ha fatto la differenza, offrendo una soluzione efficace e un rapido recupero. Oggi la paziente è in buone condizioni; in seguito all’intervento, già in reparto abbiamo ritenuto opportuno farle fare i primi passi e metterla in piedi, e presto effettueremo una visita di controllo a domicilio per garantire una presa in carico complessiva”.
La frattura periprotesica è una complicanza che si verifica intorno a una protesi di un'articolazione preesistente, causata generalmente da un trauma o da un cedimento osseo. Nel caso specifico, la signora aveva precedentemente subìto un intervento di artroplastica totale del ginocchio.

“Il successo e il recupero della paziente – continua Memè – è il risultato di una attività trasversale e sinergica tra più strutture: quella di ortopedia e anestesia in sala operatoria a cui è seguito il percorso messo in campo dalla riabilitazione con un programma personalizzato che ha contribuito a rafforzare i muscoli e a migliorare la mobilità dell'articolazione. Durante l'intervento la vecchia protesi danneggiata è stata rimossa e sostituita con la megaprotesi che ha fornito stabilità immediata all'articolazione e consentito alla paziente di riprendere i movimenti normali in modo sicuro. La capacità di offrire nuove soluzioni per condizioni complesse come la frattura periprotesica – conclude il Direttore di ortopedia - è una testimonianza dell'impegno della nostra equipe nel fornire il miglior trattamento possibile ai pazienti, indipendentemente dalla loro età”.

Grazie all'efficacia della megaprotesi la signora è riuscita a tornare a camminare autonomamente in un tempo relativamente breve. “Un intervento straordinario eseguito con successo - conclude l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini –. L’inserimento della megaprotesi di ginocchio ha rappresentato un successo per la paziente di 97 anni che potrà riprendere la sua quotidianità. Ciò conferma che l'età non deve essere un vincolo alla ricerca di soluzioni innovative. La chirurgia ortopedica nella nostra regione continua ad evolversi e ad offrire progressi che contribuiscono al benessere e alla salute delle persone di tutte le età, aiutando in modo significativo ad abbattere la mobilità passiva di pazienti che, soprattutto per prestazioni relative all’ortopedia, devono spesso cercare risposte fuori dalla nostra regione”.


   

da Azienda Sanitaria Territoriale
Pesaro-Urbino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-12-2023 alle 10:46 sul giornale del 03 dicembre 2023 - 5164 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, urbino, pesaro, ast, comunicato stampa, azienda sanitaria territoriale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/eFn1





logoEV
logoEV
qrcode


.