Milano e Gradara unite nel segno dei giochi storici, si alza il sipario sulla mostra "L'arte del gioco"

3' di lettura 21/09/2023 - Giochi di un passato che si credeva dimenticato, capaci di raccontare tanto sulle abitudini, le passioni e i sentimenti dei nostri antenati. Giochi che emergono dalle nebbie del tempo, pronti per essere riscoperti da curiosi, famiglie, appassionati che potranno sperimentare di persona alcune riproduzioni di quegli antichi passatempi. Dai mazzi di carte ai tavolieri, Giochi dell'oca e di strategia in numerosissime varianti, Lotto Reale e biribissi: oltre 50 esemplari datati tra XVIII e XIX secolo e provenienti dalla prestigiosa collezione di Giuliano Crippa, recentemente donata alla Civica Raccolta delle Stampe “Achille Bertarelli”, parte delle Collezioni Civiche del Comune di Milano.

Oggetti che potrebbero suscitare lo stupore e la meraviglia del visitatore contemporaneo, ma che in realtà rivelano idee e mentalità, usi e pratiche delle generazioni passate. Un piccolo tesoro museale che nei prossimi giorni, in via eccezionale e straordinaria, lascerà le sale del Castello Sforzesco di Milano per sbarcare nelle Marche, nella "Città del gioco" per antonomasia. Dal 23 settembre al 26 novembre la mostra L'Arte del gioco - Giochi antichi dalla collezione Crippa della Civica Raccolta delle Stampe “Achille Bertarelli” di Milano sarà ospitata presso il MARV, Museo d'Arte Rubini Vesin di Gradara.

Il tema del gioco sarà dunque il filo conduttore che metterà in comunicazione due città, Milano e Gradara, apparentemente distanti ma unite dal comune desiderio di far conoscere e valorizzare la storia e la cultura ludica degli ultimi secoli e dalla volontà di recuperare il ruolo dei musei civici quali diretti presidii non solo di conservazione ma anche di divulgazione del patrimonio storico artistico. La mostra, promossa dal Comune di Gradara e da Gradara Innova, è stata infatti resa possibile grazie ad una collaborazione con il Comune di Milano e la Civica Raccolta delle Stampe “Achille Bertarelli” con il coordinamento organizzativo di Luca Baroni (direttore della Rete Museale Marche Nord, parte della Rete degli Istituti e luoghi della cultura della Regione Marche) e di Sara Benvenuti per la curatela scientifica.

La collezione Crippa è una raccolta di straordinaria varietà tipologica e cronologica costituita a Milano da Giuliano Crippa a partire dagli anni Settanta del secolo scorso e fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 2020. Oltre quarant’anni di appassionata ricerca hanno dato origine ad una bellissima e vasta raccolta di esemplari di stampa popolare italiana del ‘700 ed ‘800 - tra mazzi di carte, tavolieri, giochi di percorso - parte della quale si potrà ammirare al museo MARV di Gradara fino al 26 novembre. In programma incontri con esperti e rievocatori, visite ludiche interattive e attività per scuole e famiglie.

La mostra sarà inaugurata e presentata in anteprima nella giornata di venerdì 22 settembre e aperta al pubblico dal giorno seguente. Il tutto si svolgerà in concomitanza con un ricco cartellone di iniziative dedicate proprio al mondo del gioco: la tavola rotonda internazionale “Gaming and cultural heritage. Esempi dall'Italia e dall'Europa”, in collaborazione con School of History, Classics and Archaeology dell'Università di Edimburgo, l'atteso ritorno, nel weekend di sabato 23 a domenica 24 settembre, di “Gradara Ludens", e la consegna del premio "Gradara Ludens" ad artisti, intellettuali ed esperti del mondo del gioco che si sono distinti per il loro contributo nel campo della ludicità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-09-2023 alle 11:24 sul giornale del 22 settembre 2023 - 348 letture

In questo articolo si parla di attualità, gradara, comune di gradara, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/esZF





logoEV
logoEV
logoEV
qrcode


.