Il romanticismo musicale protagonista del sesto appuntamento della rassegna pianistica estiva del Conservatorio Rossini

2' di lettura 18/07/2023 - Giovedì 20 luglio ore 18.30, nel Cortile di Palazzo Montani Antaldi, gentilmente concesso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro, con il concerto del giovane pianista ascolano Alessio Falciani prosegue la Rassegna pianistica estiva organizzata dal Conservatorio Rossini e giunta alla sua terza edizione.

Falciani dedicherà il concerto al romanticismo musicale tedesco nella sua interpretazione europea. Attraverso l’opera di Robert Schumann, Fryderyck Chopin e Franz Liszt, tre compositori le cui vite si incrociarono in più occasioni ma i cui esiti artistici svilupparono in modo originale le comuni premesse linguistiche, si ascolteranno generi e forme del pianismo romantico in cui il virtuosismo agì come strumento di esplorazione delle risorse timbriche del pianoforte.

In apertura l’Allegro in si minore op. 8 (1831) e i Sei Intermezzi op. 4 (1832) di uno Schumann ventenne (1831), ancora legato all’idea di poter divenire un virtuoso del pianoforte, ai primordi nella costruzione della sua identità musicale. L’Allegro op. 8 originariamente venne inteso dal compositore come primo movimento di sonata, di cui conserva la forma con le dovute personalizzazioni, ma resterà orfano dei tempi successivi; nei Sei Intermezzi op. 4 le radici romantiche si manifestano in ogni piega melodica, fino a divenire espliciti con la citazione in partitura (Intermezzo n. 3) delle parole di Margherita dal Faust di Goethe: “Meine Ruh’ ist hin” (La mia pace è perduta), incipit del Lied Gretchen am Spinnrade di Franz Schubert, considerato tra gli esempi fondativi del Lied romantico.

A seguire il raffinato Rondò op. 16 di Chopin (1833), noto anche con il titolo Introduzione e Rondò che palesa un decorso musicale fondato su due episodi contrastanti. In fine, due brani di Liszt: Der Müller und der Bach e Chasse-neige. Der Müller und der Bach (Il mugnaio e il ruscello, 1846) è una trascrizione tratta dal primo ciclo di Schubert su testo di Wilhelm Müller Die schöne Müllerin (La bella mugnaia, 1823), alto esempio di reinterpretazione dell’opera schubertiana di cui Liszt fu tra i massimi promotori; Chasse-neige (Tormenta di neve) è l’ultimo numero dei Douze Études d’exécution transcendante (1851), una raccolta dall’intricata e lunga vicenda compositiva – dal primo progetto datato 1826 e formato da 48 studi al definitivo ‘ridotto’ a soli 12 numeri – con la quale Liszt mutò la tecnica pianistica nonché la visione del pianoforte nell’Ottocento.

I concerti sono ad ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti. Per il cartellone completo della Rassegna: www.conservatoriorossini.it



   

da Conservatorio Statale di Musica "G. Rossini"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-07-2023 alle 16:21 sul giornale del 19 luglio 2023 - 488 letture

In questo articolo si parla di musica, spettacoli, pesaro, rossini, conservatorio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/ekkB





logoEV
logoEV
qrcode


.