Clandestina e senza documenti cerca di spacciarsi per la sorella: denunciata 30enne

2' di lettura 17/03/2023 - Nei giorni scorsi, a seguito di richiesta di intervento da parte dei controllori "Adriabus" impiegati nel servizio di linea, una pattuglia della Polizia Locale dei Comuni di Gabicce Mare e Gradara, ha fermato una 30enne di origini senegalesi che, priva del biglietto per la tratta percorsa, si è rifiutata di declinare le proprie generalità agli stessi controllori, intenti nella redazione del verbale.

La donna, che non parlava in alcun modo la lingua italiana, ha dato in escandescenze, calmandosi solamente all'arrivo di una pattuglia degli agenti capitanati dal Dott. Schiavi Cristiano, consegnando nelle loro mani solamente il codice fiscale, documento non sufficiente all'identificazione di un cittadino straniero.

A questo punto la 30enne è stata accompagnata presso gli uffici di Via XXV Aprile e grazie all'intervento di due operatrici in servizio, che traducevano in lingua francese quanto richiesto, sono riuscite a convincere la sconosciuta ad esibire un documento attestante la sua identità, ovvero la fotografia di un passaporto appartenente ad una donna di 33 anni senegalese.

E qui, che accade l'impensabile. Dall'analisi del fotogramma riportato sul passaporto esibito, operata dall'Ufficio di P.G. del Corpo, è emerso che le due persone non erano affatto le stesse.

A questo punto, sorgendo forti dubbi sull'identità della donna e sulla sua regolarità all'interno del territorio nazionale, si è proceduto al rilievo delle impronte digitali, scoprendo che la persona del passaporto era la sorella.

Presa in castagna, T.F., queste le iniziale della trentenne, non ha potuto far altro che confessare ed ammettere di aver cercato di eludere il controllo, consegnando quindi agli agenti il suo vero passaporto.

Appurato a questo punto il suo stato di clandestinità sul territorio nazionale, la donna in un momento di sfogo ha raccontato agli operatori la propria vita e le disavventure vissute nel paese d'origine, facendo espressa richiesta di "protezione internazionale" con gli agenti della Polizia Locale di Gabicce Mare e Gradara che non hanno potuto far altro che notiziare l'Ufficio Immigrazione della Questura di Pesaro per i successivi adempimenti, nonchè di denunciarla per la falsa attestazione sull'identità personale e per il suo stato di clandestinità all'interno del Paese.

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su WhatsApp o Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 371.4439462 alla tua rubrica ed inviaci un messaggio (es.: ok notizie). 
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"





Questo è un articolo pubblicato il 17-03-2023 alle 14:01 sul giornale del 18 marzo 2023 - 8494 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, pesaro, gabicce mare, polizia locale, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dX3V





logoEV
logoEV
qrcode


.