Unione Popolare risponde al Siulp: "Irruzione inutile e ingiustificata"

2' di lettura 10/03/2023 - Rispondiamo all'intervento del S.I.U.L.P. di Pesaro apparso sui quotidiani il 9 marzo, in reazione del nostro articolo del 6 marzo sulla vicenda dello striscione antifascista esposto sulla facciata del liceo Mamiani di Pesaro e la conseguente ispezione della Digos presso l’istituto.

Esprimiamo la nostra contentezza nel leggere che il questore Raffaele Clemente abbia desiderato ribadire l’antifascismo delle forze dell’ordine, e ancor più contenti saremmo se la stessa solerzia nell’indagare la provenienza di striscioni innocui come quello del liceo Mamiani si applicasse a tutti i manifesti abusivi, (quelli sì illegali), affissi per la città da organizzazioni che si ispirano al disciolto partito fascista.

Nel merito ai fatti, (di lunedì scorso al liceo Mamiani), immaginiamo spetti prima di tutti al dirigente scolastico, verificare ciò che accade all’interno degli istituti, ma non risulta sia stata fatta nemmeno una telefonata prima dell’ispezione dei funzionari della DIGOS. L’educazione alla legalità e ai principi costituzionali, come l’antifascismo, come la libertà d’espressione, viene assicurata quando si riesca ad assicurare piena autonomia agli istituti scolastici, agli studenti, ai docenti, a tutto il personale scolastico. Qualcosa che una presenza del tutto immotivata delle forze dell’ordine (cosa molto diversa dalle proposte didattiche, alle quali quantomeno si giunge tramite accordi) non garantisce e non può garantire in alcun modo. E la presenza di lunedì è l’esatto opposto di una presenza frutto di accordo o motivata da reale emergenza. Si tratta di un’irruzione inutile e ingiustificata.

Nella fotografia pubblicata della facciata del liceo per mostrare lo striscione, sulla finestra, si possono scorgere anche prese di posizione verso le donne iraniane poco sopra il lenzuolo antifascista. Speriamo non sia stato quest’ultimo ad attirare, fino al punto di rendere tanto urgente la presenza della DIGOS e l’attenzione del questore. Con quello striscione gli studenti hanno risposto ai fatti di Firenze (l'aggressione fascista subita da due studenti del liceo Michelangiolo) ribadendo, che “il fascismo non è un’opinione, è un crimine”. Lo hanno fatto in piena autonomia. Come, nella loro autonomia, ci auguriamo continuino a fare le forze dell’ordine. Rispettando, cioè, lo spazio degli studenti, del personale scolastico, dei docenti, e soprattutto del dirigente scolastico.


   

da Unione Popolare Pesaro Urbino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-03-2023 alle 18:03 sul giornale del 11 marzo 2023 - 1776 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/dWTq





logoEV
logoEV
logoEV
qrcode


.