Vitri e Biancani: "Assurdo non rinnovare i contratti ai 200 lavoratori e lavoratrici della sanità"

micaela vitri 1' di lettura 29/11/2022 - “La nostra sanità ha bisogno urgentemente di personale, ma nelle Marche la Giunta Acquaroli non proroga i contratti delle figure sanitarie, tecniche e amministrative, già in servizio e in scadenza al 31 dicembre”.

Così i Consiglieri regionali Micaela Vitri e Andrea Biancani intervengono chiedendo: “Perché invece si favoriscono cooperative e una gestione che moltiplica poltrone e mobilità passiva?” Come già evidenziato dalla Federazione provinciale PD di Pesaro e Urbino, in merito allo stato di agitazione del personale dipendente dell’Azienda Ospedaliera Marche Nord e dell’Asur Marche, proclamato dalle OO.SS, anche i Consiglieri esprimono piena solidarietà ai 200 lavoratori e lavoratrici della sanità e alle OO.SS. costretti a manifestare per chiedere la proroga dei propri contratti di lavoro.

“Con la nuova organizzazione è previsto un aumento consistente dei costi per i dirigenti - incalzano Vitri e Biancani - quindi è inconcepibile che poi non ci siano le risorse per il personale. La scelta di non prorogare, inoltre, è a dir poco incomprensibile e scellerata visto che non tiene conto dell’aumento delle liste d’attesa, del costo annuo per la mobilità passiva che supera i 40 milioni di euro, del fatto che le risorse per il personale sono già contabilizzate nel tetto di spesa 2022.

La Giunta di destra dovrà risponderne ai cittadini. Di fronte alle tante promesse in campagna elettorale, oggi purtroppo solo una cosa è certa: l’impoverimento e la privatizzazione di tutta la nostra sanità che è aumentata, come già rilevato dalla Corte dei Conti, nel 2021 del 39%. “






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2022 alle 16:10 sul giornale del 30 novembre 2022 - 448 letture

In questo articolo si parla di politica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dFEA





logoEV
logoEV
qrcode