Udc: "Il grido dei sindacati della polizia sia ora ascoltato dal governo"

questura di pesaro| 2' di lettura 24/11/2022 - E’ davvero preoccupante che i sindacati della nostra Polizia di Stato ( uomini e donne in divisa della Stato) sono costretti a rivolgersi alla stampa  per farsi ascoltare dai rappresentanti di Governo.

La Questura di Pesaro, ancora oggi al centro dell’attenzione, dopo anni di scelte sbagliate e manifestazioni sindacali vive uno stato di degrado assurdo alimentato oggi anche dai danni causati dal terremoto. All’interno dei quella struttura vivono, il degrado, giorno e notte uomini e donne in divisa che lavorano per la nostra sicurezza oltre ad essere un luogo aperto al pubblico.

In quella parte della Caserma Militare Cialdini, che dovrà interessare l’ubicazione della nuova Questura, il silenzio impera dopo quell’ingombrante palco mediatico servito per la firma dell’accordo tra Comune, Interni e Difesa alla presenza dall’ex Ministro PD Lorenzo Guerini nel Giugno 2022 nonostante che i sindacati facessero notare che quella scelta non era molto appropriata.

Forse è il caso di avviare un dialogo serio, costruttivo e concreto.

Mi auguro che questo grido di allarme, reso pubblico attraverso gli organi stampa, sia ascoltato e finalmente si possa confidare nel nuovo Governo del centro destra, guidato dal Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, che non si girerà dall’altra parte come hanno fatto i Governi passati e magari incontrando i rappresentanti sindacali della Polizia di Stato per iniziare un percorso insieme.

Da delegato UDC al Comparto sicurezza ho immediatamente informato il Senatore Antonio De Poli eletto nella nostra provincia, che ha confermato il suo interessamento immediato anche presso gli organi ministeriali, e il Presidente del Consiglio della Regione Marche Dino Latini disponibile ad aprire il tavolo regionale, a disposizione del Comparto sicurezza, per affrontare la situazione.

Mi auguro che oggi la problematica della Questura di Pesaro veda davvero la luce infondo ad un tunnel buio ormai da anni. Personalmente non farò mancare il mio interessamento come ho sempre fatto anche nel passato.

Sono altrettanto vicino e presente anche nei confronti del personale del Commissariato della Polizia di Stato di Fano (terza città delle Marche) che oltre alle problematiche logistiche e strutturali soffre di un organico risalente a circa 40 anni con una età media di 50 anni. Un danno per tutti noi perché senza gli uomini e donne in divisa che vigilano e controllano il territorio (121 Chilometri quadrati) non può esserci sicurezza. Anch’esso è assolutamente bisognevole di una forte attenzione da parte dei rappresentanti del Governo.



da Stefano Pollegioni
Delegato Provinciale UDC per il Comparto sicurezza





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2022 alle 09:13 sul giornale del 25 novembre 2022 - 232 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, urbino, udc, pesaro, questura di pesaro, Stefano Pollegioni, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dEDd





logoEV
logoEV
logoEV