La Giunta regionale destina un milione e mezzo di euro ai servizi e alle scuole dell'infanzia

Micaela Vitri 3' di lettura 15/11/2022 - “Ringrazio la Giunta regionale - dichiara la Consigliera regionale Micaela Vitri- per aver accolto il mio appello sull’allarme rincari delle rette dei nidi e aver subito firmato la delibera per lo stanziamento del cofinanziamento di  1,5 milioni di euro. Va chiarito però che queste risorse sono dovute per ottenere il finanziamento statale e la cifra è esattamente come quella degli anni precedenti.

Quindi chiedo alla Giunta Acquaroli di raddoppiare l’importo del cofinanziamento perché quello deliberato non tiene conto dei rincari insostenibili che si stanno scaricando sui Comuni e sulle famiglie.

“Inoltre – aggiunge Vitri - quest'anno si aggiunge anche l'incertezza dei fondi a disposizione dell'Inps per il bonus asili nido 2022, una misura di sostegno economico statale sotto forma di rimborso di parte delle spese sostenute da chi iscrive i figli a un nido pubblico o privato autorizzato, oppure da chi ha bisogno di un supporto a casa per bambini sotto i tre anni per gravi patologie croniche.”

“Aggiungo – prosegue Vitri – che i nidi marchigiani sono i più cari d'Italia, con una media di € 1.140 a bambino/a. Inoltre la situazione è già grave in partenza perché le Marche, dopo la Basilicata, sono la regione dove le famiglie partecipano di più alla spesa complessiva per i nidi, con il 20,8% della compartecipazione a differenza di altre Regioni. La difficoltà sta nel fatto che le Marche, ad oggi, non hanno nessuna politica di sostegno economico a differenza di altre Regioni che hanno investito fortemente.”

“La Regione Marche deve mettersi al passo con i tempi, credere e sostenere economicamente le politiche educative. Gli interventi previsti dal Programma regionale – prosegue Vitri – hanno bisogno di risorse per fronteggiare l’emergenza ed evitare rincari o chiusure. Parliamo dell’agevolazione tariffaria per la frequenza dei servizi per l'infanzia pubblici e privati accreditati e autorizzati; del prolungamento dell’orario pomeridiano dei servizi e della scuola dell'infanzia per tutto il periodo di frequenza; dell’apertura nel periodo estivo;del sostegno alla progettualità finalizzata all'inclusione e alla diversità e al bilinguismo; dell'educazione alimentare; del sostegno alla genitorialità e alla continuità educativa; della creazione di nuovi posti per la fascia 0-3 anni. La delibera approvata subito dopo il mio intervento, prevede la seguente suddivisione per il sistema integrato 0-6, annualità 2022: 755.623,60 euro assegnati ai Comuni, ripartiti in proporzione alla popolazione 0-6 anni residente alla data del primo gennaio 2022 (dati Istat); 750 mila euro assegnati ai Comuni che hanno nel proprio territorio le scuole paritarie a cui lo stanziamento è destinato. Risorse totalmente insufficienti per fronteggiare la situazione attuale, sostenere i Comuni e sollevare le famiglie dalla scelta dell'indebitamento o alla rinuncia del servizio dei nidi, spesso a scapito e a carico delle donne”

“Un ringraziamento particolare - aggiunge Vitri - va all’assessora pesarese Camilla Murgia, per l’attenzione posta al problema con cui ha segnalato l’aggravarsi della situazione e l’ aumento, di oltre un milione di euro, dei costi per tutti i servizi educativi del Comune di Pesaro. “

“Chiedo al Presidente Acquaroli – conclude Vitri - di passare dalle parole ai fatti evitando di fare annunci che propongono come aggiuntiva una iniziativa in realtà dovuta e attuata ogni anno dalle Regioni. Occorre tenere conto della grave situazione attuale e soprattutto finanziare i nidi e scuole materne con urgenza!”


da Micaela Vitri
Consigliera Regionale PD





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2022 alle 17:59 sul giornale del 16 novembre 2022 - 388 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, pesaro, pd, consiglio regionale, comunicato stampa, Micaela Vitri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dCTo





logoEV
logoEV
qrcode