Lo sport paralimpico e il canoista Federico Mancarella protagonisti al Panathlon Pesaro

Lo sport paralimpico e il canoista Federico Mancarella protagonisti al Panathlon Pesaro 3' di lettura 08/11/2022 - L’ultima Conviviale del Panathlon Club Pesaro è stata dedicata al movimento sportivo paralimpico. Ospite dell’incontro Federico Mancarella, campione europeo in carica e primo italiano nella storia a salire sul podio delle Paralimpiadi nella paracanoa, grazie alla splendida medaglia di bronzo conquistata a Tokyo 2020 nella specialità KL2 200 metri.

Il ragazzo bolognese, affetto da spina bifida dalla nascita, una grave malformazione congenita che coinvolge la colonna vertebrale del nascituro, ha ripercorso le tappe della sua vita e della sua carriera: la scoperta della canoa durante un’attività extrascolastica alle Superiori; i primi raduni con la Nazionale; la vittoria del campionato italiano di canoa slalom nel 2011; i primi successi internazionali che l’hanno spinto a coltivare il sogno di partecipare alle Paralimpiadi con la maglia azzurra.

Sogno che si è concretizzato a Rio 2016, prima Paralimpiade della storia in cui è stata ammessa la paracanoa. «È difficile descrivere l’emozione vissuta durante quell’esperienza: in una mensa di 500 metri di lunghezza ti trovi al fianco di ragazzi provenienti da ogni parte del mondo e con le disabilità più disparate, alcuni dei quali riescono a mangiare con i piedi. È qualcosa di impattante, rimani stupefatto dal modo in cui persone anche con gravi mutilazioni e disabilità possano vivere la loro esistenza in maniera del tutto autosufficiente e autonoma, sfruttando al massimo le loro potenzialità con grande naturalezza, serenità e determinazione».

Il quinto posto nella finale brasiliana gli ha dato ulteriore stimolo per migliorarsi, nonostante le enormi difficoltà di coniugare attività sportiva di primissimo livello, sostentamento economico e impegni universitari comunque portati brillantemente a termine con la laurea in Economia conseguita all’Università di Ferrara nel 2015.

Nemmeno il rinvio causa pandemia delle Paralimpiadi di Tokyo l’ha demoralizzato: «quando è stato ufficializzato che le Paralimpiadi non si sarebbero disputate nell’estate 2020, ho deciso di prendermi un periodo di riposo, di ricaricare energie fisiche e mentali, per poi ripresentarmi nel 2021 agli allenamenti più determinato di prima. Non mi ha mai sfiorato il dubbio che la competizione venisse definitivamente annullata, le Paralimpiadi non si potevano non svolgere».

A Tokyo, il portacolori del Canoa Club Bologna, considerato non tra i favoritissimi per le medaglie ma un outsider, senza il peso di eccessive pressioni e aspettative dell’ambiente, ha conquistato un bronzo storico, prima medaglia di un atleta italiano alle Paralimpiadi in questo sport.

Dopo un breve periodo di appagamento, la carriera di Federico Mancarella, è proseguita con nuovi grandi successi e l’oro agli Europei di Monaco di Baviera 2022, competizione in cui ha sbaragliato la concorrenza. Con lo sguardo sempre ben rivolto a Parigi 2024, evento rispetto al quale l’Ambassador dello Sport dell’associazione “ASBI” (Spina bifida Italiana) non nasconde di certo grandi ambizioni, puntando nuovamente e decisamente al podio.

«È sempre molto interessante e stimolante parlare di attività paralimpica, far conoscere storie di donne e di uomini con disabilità per cui lo sport si è rivelato elemento fondamentale per affrontare la vita con entusiasmo e coraggio» ha dichiarato il presidente del Panathlon Club Pesaro Angelo Spagnuolo.

Alla Conviviale, durante la quale è stato presentato il nuovo socio del Club pesarese Lorenzo Spezi, ha partecipato il delegato per la provincia di Pesaro e Urbino del Comitato Italiano Paralimpico Andrea Evangelisti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-11-2022 alle 15:20 sul giornale del 09 novembre 2022 - 332 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, panathlon club pesaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dBiS





logoEV
logoEV
qrcode