Vitri: "La Regione dimezza le risorse ai parchi, ma chiede di raddoppiare il cda del San Bartolo"

San Bartolo 2' di lettura 20/06/2022 - “E’ una prepotenza vergognosa che non meritiamo - spiega la consigliera regionale Micaela Vitri. - La nostra provincia ha bisogno di investimenti e non di aumentare le poltrone politiche ingrassando i cda. Per questo chiedo al presidente Acquaroli di ritirare al più presto la proposta di legge di Fratelli d’Italia, che porta i componenti del consiglio di amministrazione del parco San Bartolo da cinque a nove. Un poltronificio in cui le nomine della giunta regionale passeranno da una a cinque, con l’unico scopo di governare il parco da Ancona, come fosse una landa da colonizzare. Unico caso, tra tutti i parchi delle Marche, in cui si chiede l’aumento massiccio di nomine, con la spiegazione arrivata in Commissione Ambiente che “siccome è la Regione a pagare deve anche governare”.

La cosa che piu mi indigna - prosegue Vitri - è che siamo stati eletti dai cittadini per provare a risolvere i loro problemi, valorizzare e fare crescere il nostro territorio. Invece siamo costretti a discutere giorni di una legge, proposta dal consigliere Nicola Baiocchi, che ha come unico scopo quello di aumentare il peso della Regione nel cda, in modo che possa essere governato dalla Regione e non più autonomo. Attualmente i 5 componenti sono infatti designati da: uno dalle associazioni di protezione ambientale, una da quelle agricole, due rappresentanti congiuntamente dalla Provincia e dai due Comuni più uno dalla Regione.

La Pdl è già stata approvata in Commissione ambiente con i voti della destra, nonostante i tre no della minoranza, parere contrario del Cal e molte riserve del Crel. Ora chiedo al presidente Acquaroli: davvero pensa che dovremmo perdere tempo anche in Consiglio per discutere di una legge simile? Mi auguro venga ritirata al più presto, perché la nostra provincia non merita certi soprusi. Se davvero c’è interesse verso i parchi inizi piuttosto a guardare il bilancio: le risorse stanziate nel 2022 sono 700 mila euro invece che 1,8 come in passato.

Per capire poi la assurda prepotenza di questa legge basta fare un confronto con il Parco del Conero, dove il cda è già composto da 9 componenti, ma la differenza con Pesaro è abissale. Se il San Bartolo si estende per 1584 ettari in due Comuni (Pesaro e Gabicce) e ha solo 2 dipendenti, quello anconetano per oltre 6 mila ettari in 4 Comuni e ha 6 persone assunte. Qui il cda ha già 9 componenti, dei quali solo uno nominato dalla Regione e la nuova legge chiede di aggiungerne solo un altro.

Chiedo al presidente Acquaroli di dare al nostro territorio il rispetto che merita e di iniziare a preoccuparsi di più della carenza di medici e meno dell’aumento di poltrone”.


da Micaela Vitri
Consigliera Regionale PD





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-06-2022 alle 18:48 sul giornale del 21 giugno 2022 - 306 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, pesaro, pd, san bartolo, consiglio regionale, comunicato stampa, Micaela Vitri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/db5Z





logoEV