Lotta all'abusivismo in spiaggia, merce sequestrata a due venditori

abusivismo spiaggia gabicce 3' di lettura 20/06/2022 - Sono due gli interventi messi a segno dagli agenti del Comando Unico Associato di Polizia Locale di Gabicce Mare e Gradara negli ultimi giorni a carico di altrettanti venditori abusivi di merce.

Infatti, giovedì mattina, a seguito di alcune segnalazioni qualificate in merito ad alcuni venditori nella spiaggia di Gabicce Mare, gli agenti, hanno messo in atto una tempestiva attività di controllo di tutto l’arenile di competenza, andando così ad individuare una persona di sesso maschile aggirarsi tra gli ombrelloni di uno stabilimento balneare con un grosso sacco di colore azzurro.

Il fermo dello stesso ha consentito di accertare che, la persona di origini marocchine di 43 anni, era infatti intenta a proporre la propria merce ai turisti presenti. Per lui sono subito scattati approfonditi controlli in merito ai documenti esibiti e alla sua identità, controlli che hanno messo in luce che lo stesso non risultava essere in regola con la normativa in merito al soggiorno degli stranieri e che lo stesso già in passato non aveva ottemperato ad un decreto di espulsione.

Vista la situazione gli Agenti, sotto il coordinamento del neo Comandante Stefano Bravi, hanno accompagnato la persona presso gli uffici immigrazione della Questura di Pesaro per gli adempimenti relativi ad un novo procedimento di espulsione dal territorio italiano. Per il 43 enne marocchino è quindi scattata una denuncia per il reato di clandestinità oltre alla violazione amministrativa per il commercio itinerante sull’arenile in palese violazione alle normative vigenti, con il contestuale sequestro della merce da lui posta in vendita, risultata per lo più essere capi di abbigliamento donna e bambino.

Nella serata di venerdì sera, durante un pattugliamento appiedato nelle vie del centro di Gabicce Mare, gli agenti hanno notato una persona intenta a promuovere oggetti di pelletteria ad un turista seduto fuori dal proprio albergo. Dopo alcuni minuti di attenzione a quanto stesse accadendo, il personale ha avuto contezza del fatto che stessero assistendo ad una vendita abusiva di merce da parte del ragazzo. Fermato ed identificato è risultato essere un cittadino portoghese di 20 anni, che ha subito consegnato la borsa con diverse cinture, materiale di pelletteria e braccialetti. Anche per lui è scattato il verbale amministrativo da 5000 euro ed il sequestro della merce.

E’ quanto mai importante la tempestiva attività svolta dal mio personale – ha dichiarato il Comandante Braviil cui unico scopo è quello di portare il più possibile legalità sul territorio anche in merito al commercio, al solo fine di tutelare i numerosi turisti e consumatori che vengono attratti da facili soluzioni di acquisto, ma che nulla sono in grado di garantire in termini di qualità dei prodotti acquistati. Grazie alla più che buona collaborazione con i gestori degli stabilimenti balneari e con le associazioni di categoria, siamo pronti a rispondere nei tempi adeguati alle segnalazioni che ci perverranno in merito agli eventuali venditori abusivi che verranno individuati nel nostro territorio, rappresentando che la tutela del consumatore e la vivibilità della nostra spiaggia e del nostro turismo, passa anche dal rispetto delle norme in vigore per negozianti e commercianti, con la corretta esposizione dei prezzi della merce e con la giusta occupazione degli spazi pubblici messi in concessione”.






Questo è un articolo pubblicato il 20-06-2022 alle 08:47 sul giornale del 21 giugno 2022 - 1137 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, gabicce mare, articolo, abusivismo spiaggia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dbV3





logoEV
logoEV
logoEV