Ruba cartello "Alt Polizia", nei guai giovane di Tavullia

Tavullia 2' di lettura 19/06/2022 - La Polizia Locale di Gabicce Mare e Gradara ha dato esecuzione ad un decreto di perquisizione della Procura di Pesaro, alla ricerca di un cartello stradale mobile rubato durante una competizione sportiva a Gradara.

Qualche minuto dopo le sette, alcuni agenti in abiti civili, in servizio presso il Comando Unico Associato di Polizia Locale di Gabicce Mare e Gradara, coordinati sul posto dal Comandante Stefano Bravi e con la collaborazione di agenti del Corpo di Polizia Locale Unione dei Comuni Pian del Bruscolo si sono presentati presso l’abitazione di un giovane ragazzo di Tavullia.

Infatti, secondo quanto ricostruito dalle minuziose indagini messe in campo, lo stesso risultava essere il sospettato di un furto avvenuto a fine maggio, durante una competizione sportiva a Gradara, dove, un ragazzo a bordo di un ciclomotore si era reso responsabile di avere prelevato un cartello mobile con la scritta “ALT POLIZIA”, posizionato a bordo strada, al fine di impedire il transito dei veicoli nel percorso di gara.

Gli elementi raccolti in fase investigativa dagli agenti gabiccesi, hanno permesso di fornire solidi e concreti elementi a carico del ragazzo, a tal punto che la Procura di Pesaro ha emesso un decreto di perquisizione volto alla ricerca del cartello rubato ed ogni altro elemento utile a comprovare le responsabilità del ragazzo, come la disponibilità del ciclomotore utilizzato per il furto, il casco e l’abbigliamento indossato.

Infatti, grazie alla capillare e tecnologicamente avanzata presenza di numerose telecamere di videosorveglianza nel territorio di Gabicce Mare e Gradara, è stato possibile accertare in più momenti il passaggio del ciclomotore e del ragazzo, sia negli attimi precedenti il furto come in quelli successivi.

Le attività eseguite hanno permesso il ritrovamento del cartello e di quanto cercato dagli agenti, segno tangibile del buon lavoro fatto in fase di indagine”, è stato il commento del Comandante Bravi.

Per il ragazzo è quindi scattata una denuncia a piede libero, con anche il sequestro del ciclomotore con il quale ha commesso il reato.

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su WhatsApp o Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 371.4439462 alla tua rubrica ed inviaci un messaggio (es.: ok notizie). 
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"





Questo è un articolo pubblicato il 19-06-2022 alle 12:02 sul giornale del 20 giugno 2022 - 8971 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, pesaro, tavullia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dbTm





logoEV