Inaugurato a Gabicce Monte il nuovo ingresso con i bronzi di Augusto Gennari

Inaugurato a GabicInaugurato a Gabicce Monte il nuovo ingresso con i bronzi di Augusto Gennarice Monte il nuovo ingresso con i bronzi di Augusto Gennari 1' di lettura 06/05/2022 - L'ingresso di Gabicce Monte, recentemente ristrutturato, è stato arricchito con i bronzi dell'artista Augusto Gennari “Sguardi”. A sinistra "La Pensosa" e a destra "Sofia" sono i bronzi regalati al Comune dalle famiglie Gennari- Codovilli.

"Ci è sembrato doveroso che anche Gabicce Monte avesse un'opera del grande artista Gennari- sottolinea il Sindaco Domenico Pascuzzi- e il punto migliore per valorizzarla è l'ingresso del borgo, dove recentemente è stato terminato un intervento di riqualificazione.

I due bronzi diventano un altro tassello del museo diffuso in città dedicato ad Augusto, unicamente alle opere all'interno del municipio e all'esterno, che sono diventate museo permanente”.

Un artista che ha incentrato la sua attività di pittura e di scultura proprio al nostro territorio, attingendo materiali dalla nostra costa, dalla falesia del Parco San Bartolo, dal mare di Vallugola, plasmandoli fino a farli diventare opere d’arte.

L’inaugurazione è stata preceduta da un momento di incontro al Ristorante Bel Sit, con la proiezione di un video dove il critico d’Arte Vittorio Sgarbi ha commentato alcune delle opere di Gennari. Presenti i familiari dell’artista, la moglie Maria Teresa Codovilli, il fratello Remo, Presidente dell'Associazione DimoraEventi e la Dottoressa Anna Maria Bernucci, critica e storica dell'arte dei musei riminesi.

Recentemente alcune opere di Augusto Gennari sono entrate a far parte del catalogo "Artisti '22" di Art Now, distribuito da Mondadori.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2022 alle 15:09 sul giornale del 07 maggio 2022 - 570 letture

In questo articolo si parla di attualità, gabicce mare, Comune di Gabicce Mare, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c58s





qrcode