Marta Bernardi e Domenico Passuello trionfano ai campioni italiani di Duathlon

campioni italiani di Duathlon 10' di lettura 03/04/2022 - Pesaro e la Flipper Triathlon concedono il bis. E lo fanno alla grande: i Campionati Italiani di duathlon classico, organizzati domenica 3 aprile per il secondo anno consecutivo nella città marchigiana, hanno regalato emozioni e spettacolo nonostante la pioggia e le temperature non proprio primaverili.

Grazie alla preziosa e fattiva collaborazione del Comune di Pesaro, delle Forze dell’ordine e delle associazioni del territorio, che hanno collaborato e dialogato con la Flipper Triathlon per mettere a punto un evento di alto livello, i duatleti hanno potuto gareggiare per il titolo italiano in sicurezza e su un percorso che ha dato piuÌ di qualche filo da torcere, soprattutto nella frazione ciclistica.

Ad aprire le danze i 10 km della prima prova di corsa, su un circuito da ripetere due volte, seguite dai 37 km sui pedali, inaugurati da una lunga salita e proseguiti con un saliscendi continuo, prima lungo la strada Panoramica fino al borgo di Fiorenzuola, poi lungo la statale Adriatica per infine riprendere la strada per la zona cambio verso Baia Flaminia transitando per la strada dei Pelati. A chiudere, la terza frazione, ancora di corsa, che ha ricalcato il tracciato della prima, su un solo giro per un totale di altri 5K.

La gara, seconda tappa del circuito Adriatic Series, eÌ partita alle 8:30, dopo aver ricordato Marco Ragnetti, giovane ciclista dell’Alma Juventus Fano scomparso lo scorso 8 marzo a causa di un incidente stradale. Un momento toccante, in cui eÌ stato osservato un minuto di silenzio ed eÌ stata consegnata una targa al padre del ragazzo.

LA GARA FEMMINILE...

Ha rotto fin dall’inizio gli indugi Marta Bernardi (TRI Evolution): la campionessa in carica eÌ subito riuscita a imprimere un ritmo insostenibile entrando in T1 dopo poco piuÌ quasi 34'. A inseguirla un trio formato da Alice Capone (Raschiani Triathlon), Nicoletta Santonocito (Magma Team) e Federica Frigerio (Venus Triathlon), con circa un minuto di distacco. Nella frazione bike, Bernardi ha dato sfoggio delle sue caratteristiche da lunghista, incrementando ulteriormente il vantaggio su Frigerio.

Santonocito si eÌ ritirata, Capone eÌ rimasta attardata per un errore di percorso e da dietro eÌ rientrata grazie a una grande frazione in sella (2^ solo alla Bernardi) Eleonora Peroncini (Valdigne Triathlon).
Nei 5K finali le posizioni risultavano immutate, con Frigerio ancora in palla a far segnare il miglior split.

Conferma sul gradino piuÌ alto del podio per Marta Bernardi, che dunque conquista la seconda maglia tricolore nel duathlon dopo quella di sprint vinta sabato scorso in quel di Imola. Federica Frigerio arriva raggiante al traguardo affermando "Ditemi che eÌ un sogno?!", a 1'35" dalla vincitrice e con 2'17" di vantaggio su Eleonora Peroncini che completa il podio Assoluto. A completare la top ten, Margie Santimaria, Sara Savoia, Chiara Cavalli, Valentina D'Angeli, Ilaria Zavanone, Alberta Miori e Cristina Ventura.

... E QUELLA MASCHILE

Per quanto riguarda la gara maschile, impressionante il primo 10.000 di Riccardo Brighi (Raschiani Triathlon) che eÌ riuscito a fare il vuoto, scavando un gap tra seì e i diretti inseguitori di quasi 2 minuti!
Davvero molto nutrito il gruppo lo insegue, che peraltro si disintegra e si mescola durante l'impegnativa frazione in sella.
Il campione in carica Domenico Passuello (Tritaly) si muove in avanti con decisione e prima ricuce il gap, poi passa in testa e detta il ritmo.
Passuello eÌ il piuÌ veloce in bici, l'unico a chiudere il tragitto sotto l'ora, e in T2 il suo vantaggio eÌ di circa un minuto.
PiuÌ che sufficiente per gestire in tranquillitaÌ l'ultimo 5.000 che lo laurea nuovamente Campione Italiano di Duathlon Classico.
Alle sue spalle, spinge forte Riccardo Brighi che conquista con merito la medaglia d'argento, mentre eÌ Michele Marinelli (sorpresa di giornata) a completare il podio: da applausi la frazione bike del portacolori del CUS Pro Patria Milano che si eÌ presentato davvero in maniera altisonante al Mondo Triathlon.
Nei primi dieci anche Marco Rinaldi, Alessandro Degasperi, Mattia Zontini, Stefano Rigoni, Stefano Lombardi, Emanuele Faraco e Tommaso Paoletti.
Tredicesimo al traguardo, il giovane Under 23 del Magma Team Daniele Gambitta, capace di far segnare nettamente il miglior crono nei 5K finali.

I TRICOLORI DI CATEGORIA

L’inno di Mameli ha suonato anche per gli Age Group sul palco delle premiazioni. Queste le nuove maglie tricolori. S1: Federica Frigerio (Venus Triathlon) e Tommaso Paoletti (CUS Pro Patria Milano); S2: Cristina Ventura (Magma Team) e Michele Marchelli (CUS Pro Patria Milano); S3: Margie Santimaria (Dolo Team) e Mattia Zontini (Raschiani Triathlon); S4: Valentina D’Angeli (Dolo Team) e Stefano Valente (Venus Triathlon); M1: Ilaria Zavanone (Woman Triathlon) e Domenico Passuello (Tritaly); M2: Elena Meldoli (Cesena Triathlon) e Bruno Pasqualini (Torino Triathlon); M3: Alessandra Degiugno (Valdigne Triathlon) e Pietro Carrara (CUS Parma); M4: Stefania Moneta (Busto Arsizio ARC) e Lorenzo Pastore (Foligno Triathlon); M5: Marinella Sciuccati (Valdigne Triathlon) e Massimo Nannini (Faenza Triathlon); M6: Rossella Carletti (Ferrara Triathlon) e Mauro Prati (Sporting Club Sassuolo); M7: Normanno Di Gennaro (Teramo Triathlon); M8: Eros Tassinari (T.D. Rimini).

LE DICHIARAZIONI

I vincitori
Marta Bernardi: «Oggi eÌ stata davvero dura, ma sono riuscita, a soltanto una settimana di distanza dal titolo italiano di duathlon sprint a Imola, a conquistare la seconda maglia tricolore di questa stagione. Ora guardo ai prossimi impegni, primo tra tutti al Challenge Riccione, che si disputeraÌ l’1 maggio.»

Domenico Passuello: «Come l’anno scorso ho vinto... strada facendo. Ho preso la testa della corsa nella frazione ciclistica, e non eÌ stato facile raggiungere e superare Riccardo (Brighi, secondo al traguardo, ndr), un ragazzo fortissimo: ha corso davvero veloce, non nego di essere stato abbastanza preoccupato dal gap che avevo in T1, piuÌ di due minuti. E anche quando mi sono avvicinato, ha proseguito a ritmo sostenuto. Sono riuscito a staccarlo nel finale della frazione sui pedali, ma il mio timore eÌ che facesse gli ultimi 5 km di corsa come aveva fatto i primi 10. Sono molto contento della mia prestazione e ovviamente del titolo, soprattutto per la mia societaÌ che mi ha dato fiducia anche in un periodo difficile come questo.»

L’organizzatore
Raffaele Avigliano, presidente del Flipper Triathlon: «Questa eÌ una di quelle giornate che ti toccano fin nel profondo, ti entrano dentro. Piena di energia e adrenalina, capace di darti una carica incredibile soprattutto in un momento storico come quello che stiamo vivendo. Ringrazio gli atleti, eÌ sempre splendido vedere la zona cambio popolata. E ringrazio il mio team di cui sono sempre orgoglioso, capace di lavorare in maniera sinergica con un territorio che ci accoglie sempre a braccia aperte.»

L’Assessore alla Rapidità con delega allo Sport del Comune di Pesaro
Mila Della Dora: «Siamo orgogliosi di aver ospitato per il secondo anno consecutivo i Campionati Italiani di duathlon. Possiamo dire di aver raggiunto il primo obiettivo che c’eravamo prefissati anni fa, ovvero quello di dare spazio a manifestazioni multidisciplinari. Ringrazio la Flipper Triathlon, il nostro punto di forza, ora vogliamo andare avanti in questa direzione, alzando ovviamente il livello insieme. Pesaro eÌ una cittaÌ baricentrica, ha il mare, le colline e le piste ciclabili, un vero paradiso per chi vuole nuotare, pedalare e correre.»

DALLA PARTE (ANCHE) DELLA CITTA'

Il progetto CIV (Comunicazione Integrata della ViabilitaÌ), ideato da Adriatic Series, grazie al quale sono state comunicate in maniera efficace e integrata le modifiche alla viabilitaÌ, ha permesso a residenti e attivitaÌ dell’area interessata dai Campionati Italiani di duathlon classico di organizzarsi nel migliore dei modi, pianificando in anticipo spostamenti e soste.

In questo mondo la Flipper Triathlon eÌ riuscita a essere piuÌ performante nella prevenzione del disagio al territorio (tutte le informazioni, tra le quali anche una mappa interattiva, sono state pubblicate nella pagina dedicata: https://adriaticseries.it/civ/).

UN TEAM VINCENTE

Il team Flipper Triathlon, per la seconda tappa del suo circuito Adriatic Series, ha potuto contare su centinaia di volontari di Auser, Protezione civile, Parco San Bartolo, Centro servizi per il Volontariato, Dinamo Triathlon, Atletica Banca di Pesaro, Fondazione Cetacea, Quartiere 9 e Lega Navale di Pesaro impegnati a coadiuvare Polizia locale, Capitaneria di Porto e Croce Rossa Pesaro.

Grazie a loro ha potuto garantire la sicurezza e il regolare svolgimento dell’evento tricolore. Oltre alle associazioni del territorio, Flipper Triathlon ringrazia anche i suoi partner: Banca Popolare di Pesaro, Pesaro Bici, AVIS Pesaro, Agostini, Quadrifoglio Centro Revisioni.

QUANDO LO SPORT FA (DEL) BENE

Divertimento, agonismo, ma anche solidarietaÌ e supporto economico. La Flipper Triathlon, infatti, ha devoluto parte del ricavato delle iscrizioni dei Campionati Italiani di Duathlon Classico di Pesaro alla Lega Italiana Fibrosi Cistica.

IL CIRCUITO ADRIATIC SERIES

Archiviata la seconda tappa – la gara tricolore di Pesaro –, il circuito Adriatic Series vivraÌ il prossimo appuntamento a Cupra Marittima, una delle novitaÌ dell’edizione 2022, il prossimo 22 maggio, per poi tornare a Pesaro il 29 maggio e trasferirsi a Vieste, seconda new entry di quest’anno, il 5 giugno.

Di seguito, tutti gli appuntamenti Adriatic Series 2022 (da disputare): - 22 maggio, Cupra Marittima (triathlon sprint);
- 29 maggio, Pesaro (triathlon olimpico);
- 5 giugno, Vieste (triathlon olimpico);

- 18-19 giugno, Alba Adriatica (triathlon sprint e triathlon olimpico);
- 10 settembre, San Mauro Mare (triathlon sprint);
- 1/2 ottobre, Cervia (Campionati Italiani di triathlon sprint Individuali, Staffetta, Coppa Crono); - 9 ottobre, San Benedetto del Tronto (triathlon sprint).
La prima tappa dell’Adriatic Series 2022 si eÌ giaÌ corsa il 20 marzo a San Benedetto del Tronto, con la disputa dei Campionati Italiani di paraduathlon e la gara di duathlon sprint.

LE CLASSIFICHE

TOP TEN DONNE
1. Marta Bernardi (Tri Evolution) 2:04:44
2. Federica Frigerio (Venus Triathlon) 2:06:18
3. Eleonora Peroncini (Valdigne Triathlon) 2:08:35 4. Margie Santimaria (Dolo Team) 2:10:47
5. Sara Savoia (Raschiani Triathlon) 2:11:52
6. Chiara Cavalli (Raschiani Triathlon) 2:12:35
7. Valentina D'Angeli (Dolo Team) 2:13:26
8. Ilaria Zavanone (Woman Triathlon) 2:13:34
9. Alberta Miori (Buonconsiglio Nuoto) 2:13:42 10. Cristina Ventura (Magma Team) 2:14:47

UOMINI
1. Domenico Passuello (Tritaly ASD) 1:48:25
2. Riccardo Brighi (Raschiani Triathlon) 1:49:18
3. Michele Marchelli (CUS Pro Patria Milano) 1:50:08 4. Marco Rinaldi (CUS Parma) 1:51:25
5. Alessandro Degasperi (Dolo Team) 1:51:57
6. Mattia Zontini (Raschiani Triathlon) 1:52:06
7. Stefano Rigoni (Run Ran Run) 1:52:07
8. Stefano Lombardi (Venus Triathlon) 1:52:51
9. Emanuele Faraco (Terra dello Sport) 1:53:07
10. Tommaso Paoletti (CUS Pro Patria Milano) 1:53:25

I VINCITORI AGE GROUP

SENIOR 1

Federica Frigerio (Venus Triathlon) 2:06’18” Tommaso Paoletti (CUS Pro Patria Milano) 1:53’25”

SENIOR 2

Cristina Ventura (Magma Team) 2:14’47”
Michele Marchelli (CUS Pro Patria Milano) 1:50’08”

SENIOR 3

Margie Santimaria (Dolo Team) 2:10’47” Mattia Zontini (Raschiani Triathlon) 1:52’06”

SENIOR 4

Valentina D’Angeli (Dolo Team) 2:13’26” Stefano Valente (Venus Triathlon) 1:54’17”

MASTER 1

Ilaria Zavanone (Woman Triathlon) 2:13’34” Domenico Passuello (Tritaly) 1:48’25”

MASTER 2

Elena Meldoli (Cesena Triathlon) 2:19’38” Bruno Pasqualini (Torino Triathlon) 1:53’55”

MASTER 3

Alessandra Degiugno (Valdigne Triathlon) 2:22’39” Pietro Carrara (CUS Parma) 2:06’29”

MASTER 4

Stefania Moneta (Busto Arsizio ARC) 2:32’09” Lorenzo Pastore (Foligno Triathlon) 2:08’37”

MASTER 5

Marinella Sciuccati (Valdigne Triathlon) 2:23’09” Massimo Nannini (Faenza Triathlon) 2:19’30”

MASTER 6

Rossella Carletti (Ferrara Triathlon) 3:08’06” Mauro Prati (Sporting Club Sassuolo) 2:25’27”

MASTER 7

Normanno Di Gennaro (Teramo Triathlon) 2:35’05”

MASTER 8

Eros Tassinari (T.D. Rimini) 3:36’33”

Classifiche complete:

Risultati - Adriatic Series - Duathlon Classico Pesaro | ENDU

PAGINA UFFICIALE ADRIATIC SERIES ITALIANI DUATHLON PESARO:

Duathlon Classico di Pesaro – Adriatic Series

CARTELLA MEDIA ADRIATIC SERIES:

http://bit.ly/flippertri








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-04-2022 alle 21:34 sul giornale del 04 aprile 2022 - 941 letture

In questo articolo si parla di sport, pesaro, Comune di Pesaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cXix





logoEV
logoEV