Fondo ai Comuni per l’accoglienza dei profughi ucraini, Ricci rilancia al Governo

2' di lettura 25/03/2022 - La guerra in Ucraina, la gestione dell’accoglienza e il sogno degli Stati Uniti d’Europa. Questi gli argomenti al centro del dibattito conclusivo dell’Assemblea Nazionale di Ali, che insieme al sindaco di Pesaro Matteo Ricci ha visto protagonisti il Ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

«Il Governo ci aiuti nell’operazione “Comune adotta Comune” e istituisca un fondo speciale da dare subito ai Comuni, per le famiglie che accolgono i profughi. Lo scopo – ha ricordato Ricci - è quello di costruire un legame, che va dalla gestione dell’emergenza e accoglienza alla ricostruzione». L’80% dei profughi ucraini trova rifugio nelle famiglie, per questo occorrono sostegni immediati ai Comuni, che poi si occuperanno di distribuirle alle famiglie».

Come? «Le Amministrazioni conoscono i territori. Negli anni abbiamo costruito criteri per individuare le esigenze delle famiglie. Chi ospita i profughi ucraini potrà fare richiesta dei fondi con l’autocertificazione. Un modello che funziona, portato avanti dal Comune di Pesaro per la distribuzione dei buoni spesa». Occorrono dei fondi da spendere subito, lo ha ricordato anche il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, elencando alcuni dei costi che graveranno sulle casse comunali: la mensa scolastica costa 155 euro/mese, l'assistenza scolastica per un ragazzo disabile 660-750 euro/mese, l’assistenza domiciliare (5 ore/sett) 500 euro/mese, l'inserimento di un disabile in una struttura dedicata (Centro Diurno Disabili, per la sola quota comunale) 1.000 euro/mese, l'asilo nido costa al comune 1.000 euro/mese, la scuola per l’infanzia: 300 euro/mese. Poche ore fa la buona notizia dal Parlamento UE, che ha sbloccato i fondi di emergenza per i rifugiati: «Su 4 miliardi stanziati, qualche centinaio di milioni può arrivare all’Italia. Usiamoli per l’accoglienza – ha esortato Ricci -, seguiamo l’esempio della Regione Lazio che la prossima settimana sbloccherà ufficialmente una parte di risorse previste per il FSE, destinandole all’emergenza Ucraina».

Poi sul PNRR Ricci afferma, «Va fatto un ragionamento pragmatico. Forse non riusciremo a spendere tutte queste risorse. C'è una parte a fondo perduto e una parte a debito. Su quella a fondo perduto non possiamo perdere un euro, sarebbe un peccato mortale. Convertire o chiedere di convertire la parte a debito per affrontare l'emergenza energetica potrebbe essere un ragionamento di buon senso italiano ed europeo. Non possiamo pensare di correre e poi vedere che una parte comunque non la spendiamo, dobbiamo essere realistici».

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su WhatsApp o Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 371.6438362 alla tua rubrica ed inviaci un messaggio (es.: ok notizie). 
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-03-2022 alle 17:37 sul giornale del 26 marzo 2022 - 363 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Comune di Pesaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cU6O





logoEV
logoEV
logoEV
qrcode


.