Pd Pesaro: "Cecconi cosa ha fatto dal 2018 per la città? Oltre a non dimettersi come invece promesso, nulla"

1' di lettura 21/03/2022 - Ve lo ricordate l’Onorevole Andrea Cecconi? Non ne sentiamo parlare dal marzo 2018, quando smise di fare campagna elettorale, divenne un fantasma e promise di dimettersi se eletto.

Fu eletto, e noi ancora aspettiamo le sue dimissioni da Aggiornamenti quotidiani sulle dimissioni di Andrea Cecconi, per aver preso in giro il suo partito e tutta la città. Invece, dopo 4 anni nel cespuglio, almeno un cambio di partito, uno stipendio incassato fino all’ultimo centesimo, zero proposte per la città, uno si aspetterebbe un’illuminazione, e quindi con curiosità ci si appresta a leggere la sua intervista sul Carlino.

Sarà per plaudire a Pesaro 2024 - Capitale italiana della cultura? Sarà per annunciare che ha trovato il modo di finanziare almeno in parte la rigenerazione dell’ex San Benedetto? Sarà per il nuovo Museo Dario Franco Fo e Franca Rame? Niente di tutto questo, la sua opinione non richiesta sul giusto adeguamento degli stipendi degli amministratori locali in tutta Italia, per troppi anni costretti a fare il lavoro più bello del mondo, il Sindaco, con massime responsabilità e minime indennità (nel caso del Pd, da sempre, una parte dello stipendio viene rigirata al partito, ovviamente per davvero, non per finta come faceva Cecconi).

Ma con che faccia l’Onorevole Cecconi dice che non è rispettoso nei confronti dei cittadini? La faccia di chi dovrebbe tornare a nascondersi tra i cespugli. Tra un anno, per fortuna, non ne sentiremo più parlare. Tardi, ma mai troppo tardi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-03-2022 alle 18:39 sul giornale del 22 marzo 2022 - 1073 letture

In questo articolo si parla di attualità, Pd pesaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cTWB





logoEV
logoEV
qrcode


.