I pubblici esercizi contro la violenza di genere con la campagna di Fipe Confcommercio e Gruppo donne imprenditrici

I pubblici esercizi contro la violenza di genere con la campagna di Fipe Confcommercio e Gruppo donne imprenditrici 2' di lettura 26/01/2022 - Si chiama #Sicurezzavera la campagna per rendere più sicuri i pubblici esercizi nei confronti del genere femminile. Partita a livello nazionale lo scorso anno (con una sperimentazione in 15 città su 20 previste), arriva ora anche sul nostro territorio (Pesaro è la 16esima città) l’iniziativa nata con la firma del protocollo tra Fipe Confcommercio, Gruppo donne imprenditrici e la Polizia di Stato.

Grazie a Fipe Confcommercio e il Gruppo Donne imprenditrici di Confcommercio Marche Nord saranno promosse iniziative di informazione e sensibilizzazione a livello territoriale per conoscere e approfondire le tematiche sulla cultura di genere e gli strumenti per tutelare le vittime della violenza.

Oggi in occasione della conferenza di presentazione dell’iniziativa presso la sede di Confcommercio Marche Nord erano presenti, oltre a tutti i vertici dell’associazione locale a partire dal direttore Amerigo Varotti, anche il Prefetto di Pesaro e Urbino Tommaso Ricciardi, il questore Michele Todisco e Valentina Picca Bianchi presidente nazionale del gruppo Donne Imprenditrici di Fipe Confcommercio. Presente anche un rappresentante della rete nazionale degli istituti alberghieri poiché il progetto vedrà sviluppi anche all’interno delle scuole di questo ambito.

“La Fipe si innesta in un solco già tracciato dalla Polizia di Stato – sottolinea in apertura il Prefetto Ricciardi - Questo protocollo va sostenuto ed esportato in tutti gli ambiti lavorativi, politici e scolastici. Seguiremo gli sviluppi e l’attuazione del protocollo e non ci sottrarremo ad eventuali interventi di supporto qualora siano necessari”.

“Sicurezza Vera” si innesta al precedente progetto della Polizia di Stato chiamato “Questo non è Amore” iniziato nel 2016 e laddove quello si concentrava sulla sfera privata e le mura domestiche “Sicurezza vera” sposta appunto l’attenzione su ciò che accade all’interno dei pubblici esercizi. Il progetto darà centralità ai pubblici esercizi su due aspetti: riconoscendoli come punto di riferimento e luogo sicuro e rafforzando la sicurezza all’interno dei locali stessi.

“Il progetto – spiega Valentina Picca Bianchi - nasce ascoltando le operatrici della Fipe che raccontano di mille storie di violenza di genere che ruotano intorno ai pubblici esercizi; non fraintendiamo, questi luoghi restano sicuri ma essendo fulcro della vita e della convivialità si possono innestare tante situazioni”.

Alcuni esempi, palpate alle cameriere che servono ai tavoli oppure in una coppia di clienti la donna non può ordinare bevande o cibi che vuole ma è il compagno a decidere.

“Come Confcommercio assieme alle forze dell’ordine – aggiunge Agnese Trufelli vicedirettrice di Confcommercio Marche Nord – faremo incontri programmati sul territorio con i nostri associati per informare e formare su come prevenire queste violenze di genere”.






Questo è un articolo pubblicato il 26-01-2022 alle 14:32 sul giornale del 27 gennaio 2022 - 300 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, vivere pesaro, articolo, luca senesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cHBX