Pesaro cade ancora, Trieste si impone tra le mura amiche

5' di lettura 24/01/2022 - Pesaro incassa la seconda sconfitta consecutiva uscendo sconfitta anche dall'Allianz Dome diTrieste al termine di una partita approcciata bene a livello offensivo, ma che ha concesso sin troppo ai padroni di casa nell'altro lato del campo. Alla Vuelle non bastano i 20 del solito Tyrique Jones (uscito per infortunio e da monitorare) e i 16 di Larson che, fino al terzo periodo, è stato impalpabile.

ALLIANZ TRIESTE 89 - 78 CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO

(26-20 / 20-17 / 19-21 / 24-20)

PRIMO QUARTO

Sono i lunghi i protagonsiti dell'avvio di gara, con Jones che ne fa quattro in fila e Mian che muove il tabellino dei suoi. Le due triple di Davis, il canestro e la successiva la stoppata di Konate regalano all'Allianz due possessi di vantaggio: 10-4. Prima quattro in fila di Larson da una parte e quattro di Konatè dall'altra mantengono invariato il margine. Se Konate batte un colpo ecco che Jones risponde: prima ne fa due facili, poi lascia lì un bel gioco da tre punti per il 14-13. Airball di Demetrio da tre da una parte, solo cotone per Mian dall'altra. Al momento Pesaro è solamente Tyrique Jones che si è preso in mano l'attacco dei biancorossi, che non hanno alternative e tirano da oltre l'arco malissimo. Si iscrivono alla partita anche Sanford e Grazulis, con il punteggio che dice 21-17 a due minuti dalla fine. Due belle azioni corali su entrambi i lati del campo che vengono chiuse con due triple: una di Mian, che arriva a quota 8 senza errori, e una di Moretti. Dopo 10 minuti squadre a contatto sul 26-20.

SECONDO QUARTO

Non molto esaltanti i primi minuti del secondo periodo: segna solo Deangeli a cronometro fermo, mentre le percentuali dal campo si abbassano. Dopo due minuti e quindi secondi si sblocca Pesaro con il layup di Camara. Tornano a segnare Jones e Delfino, mentre per Trieste è Campogrande a centrare il bersaglio grosso: 33-25 a 5' dalla sirena..Una pallacenstro sporca, fatta di tanti contatti, con le difese che hanno la meglio sugli attacchi. Tambone e Moretti infilano due triple importanti, che riportano la VL a -3 e che costringono Ciani a fermare la partita. I liberi di Grazulis e Delia riemttono due possessi pieni tra le due squadre. Dopo il canestro di Sanford arriva un miniparziale di 5-0 dell'Allianz firmato Grazulis, con coach Luca Banchi che chiama timeout. Negli ultimi due minuti del quarto per la VL segna solo Jones, conTrieste che allunga grazie ai canestri di Davis e Banks. Dopo 20 minuti è 46-37 per i padroni di casa.

TERZO QUARTO

Parte forte Pesaro che piazza un parziale di 2-8 con Demetrio e il solito Tyrique Jones che arriva già a timbrare l'ennesima doppia doppia stagionale. Reazione immediata dei giuliani con i tre liberi di Corey Davis, già a quota 14. Tyler Larson, anche oggi, è fuori partita: sbaglia tre volte da sotto canestro, il suo tabellino dice 3/9 da due, 0/2 da tre e 3 assist. Triple di Sanford, Larson e Grazulis muovono i rispettivi tabellini, con la Carepgna che è a -3. Adrian Banks si sblocca anche da dietro l'arco, segnando la tripla del 61-53 a 3 minuti alla fine del quarto. Pesaro ha sempre la forza di rientrare almeno ad un possesso di distanza, ma i padroni di casa prima con Davis, poi con Grazulis e Banks torvano sempre il modo di ricacciare la squadra di coach Banchi dietro di almeno due possessi. Banks è perfetto dai liberi, la VL soffre la bella difesa locale e continua il periodo di magra offensiva. Segnano Demetrio e Konate, ma ora a preoccupare sono le condizioni di Tyrique Jones, caduto molto male sulla schiena dopo aver intercettato un alley oop. Dopo quasi 30 minuti di partita si sblocca, dalla lunetta, uno spento Doron Lamb. Alla fine del terzo quarto c'è partita all'Allianz Dome 65-58 per Trieste.

QUARTO QUARTO

Segna anche Juan Manuel Fernandez da tre punti, iscrivendosi alla partita, portando i suoi sulla doppia cifra di vantaggio. Al momento la Carpegna Prosciutto ha due evidenti problemi, che stanno costando lo svantaggio: una difesa che concede il 52% da due e 69% da tre (9/13 dopo 32 minuti) e un attacco che non riesce a costruire buoni tiri, oltre alla bassissima percentuale da tre (5/20 25%) nonostante l'enormità di seconde chances create visti i 16 rimbalzi offensivi. Pesaro esaurisce il bonus quando ancora ci sono 7 minuti sul cronometro, ma nel primo viaggio Deangeli perdona facendo 0/2, mentre Larson dall'altra parte è perfetto dopo che Moretti ha subito il 5° fallo di Konate ma ha dovuto lasciare il campo. Segnano Delia prima e Deangeli fa 1/2 per il 72-62. "El lobito" Fernandez segna la tripla del +14 giuliano, con coach Banchi che chiama già il penultimo timeout a disposizione per cercare di raddrizzare il più possibile questa partita. Larson e Sanford ne fanno quattro in fila, ma in difesa contenere i piccoli di coach Ciani senza piegare le gambe è impossibile: Larson spende un banale fallo e Fernandez fa 2/2 a cronometro fermo. Sanford e Delfino riportano Pesaro a -7, seguono i canestri fortunosi di Mian e Camara ormai fisso in campo. I 4 in fila di Delia a 3 minuti dalla fine chiudono virtualmente i conti, con Trieste avanti di 11. Dopo le triple di Mian e Delfino e il canestro di Sanford arriva ufficialmente la seconda sconfitta consecutiva per la Carpegna Prosciutto che, al termine di una brutta partita a livello difensivo, si piega a Trieste 89-78.

TABELLINI

TRIESTE: Banks 11; Davis 14; Fernandez 7; Konate 9; Deangeli 3; Mian 13; Delia 15; Campogrande 3; Grazulis 14; Cavaliero 0; Fantoma n.e.

PESARO: Moretti 6; Tambone 3; Lamb 4; Camara 4; Zanotti 0; Sanford 13; Larson 16; Demetrio 6; Delfino 6; Jones 20; Stazzonelli n.e.






Questo è un articolo pubblicato il 24-01-2022 alle 09:15 sul giornale del 24 gennaio 2022 - 1044 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, redazione, pesaro, vuelle, victoria libertas, articolo, Carpegna Prosciutto Basket Pesaro, Kevin Bertoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cGXV


logoEV
logoEV