Quattro nuove proposte per il 2022 nella stagione di danza

3' di lettura 18/01/2022 - Comune di Pesaro e Amat presentano la seconda parte della stagione di Danza al Teatro Sperimentale con il contributo di Regione Marche e MiC. Il cartellone presenta quattro appuntamenti da febbraio ad aprile a completamento della prima parte di stagione 2021 che aveva tre spettacoli.

La stagione continua a essere accompagnata da Oltre la scena, ciclo di brevi incontri online (Zoom) curati da Silvia Poletti, giornalista, critico e studiosa, pensati per introdurre il pubblico agli spettacoli.

Subito vi parliamo dei biglietti: da giovedì 20 gennaio prelazione per abbonati alla stagione 2021 (anche semplicemente inviando una email), dal 27 gennaio nuovi abbonamenti (in biglietteria e online sul sito vivaticket.com). Maggiori informazioni alla biglietteria del Teatro Sperimentale 0721 387548. Per accedere necessario il Green Pass rafforzato e la mascherina Ffp2.

Per quanto riguarda gli spettacoli via l’11 febbraio con Alce del coreografo Fabrizio Favale che parte da una riflessione sull’attuale evento pandemico, e con la compagnia Le supplici approfondisce l’11 febbraio in Alce una tematica che da lungo tempo indaga ed è fonte di invenzione di diversi lavori: la presenza animale e il nostro rapporto con essa.

Dedica lo spettacolo alla settimana rossiniana La Giovane Compagnia Kataklò che il 24 febbraio si immerge nella lirica di Gioachino Rossini trasportando il pubblico in Rossini Grand Hotel all’interno di un albergo festoso e visionario dove , i danzatori si cimentano con le diverse possibilità espressive offerte dal mondo rossiniano, dalla comicità alla tensione più emotiva.

Il 18 marzo la scena è per il Nuovo Balletto di Toscana con Bayadère. Il Regno delle Ombre di Ludwig Minkus e Michele Di Stefano, coreografia di Michele Di Stefano, musica di Ludwig Minkus e musiche originali di Lorenzo Bianchi Hoesch per un balletto intriso di esotismo, sia nella trama melodrammatica sia nell’estetica dell’insieme.

Conclude la stagione il 25 aprile l’energia impetuosa di Compagnie Hervé Koubi con Boys don’t cry. Sette ballerini potenti ma aggraziati, tutti provenienti da diversi paesi, abbracciano la gioia trascendente della danza, portando in scena una coreografia affascinante, complessa e vivace.

“Due mezze stagioni che insieme fanno una grande stagione secondo noi – commenta il direttore di Amat Gilberto Santini – una ricca proposta per la Città della Musica e per la città che si candida anche a capitale Italiana della Cultura».

“La danza a Pesaro ha molta attenzione e un bel pubblico – aggiunge il vicesindaco e assessore alla Bellezza del Comune di Pesaro Daniele Vimini - inoltre il tema della danza è al centro dei nostri pensieri; negli ultimi progetti di residenza urbana prevediamo molto spazio per la danza con i protagonisti ospitati a Pesaro e anche diversi luoghi come la Sala della Repubblica del Teatro Rossini o il “bar” degli Orti Giuli (un teatro in realtà) saranno previsti interventi di ristrutturazione adatti anche a questa disciplina”.






Questo è un articolo pubblicato il 18-01-2022 alle 12:43 sul giornale del 19 gennaio 2022 - 428 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, vivere pesaro, articolo, luca senesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cFQ1





logoEV
logoEV
logoEV