Tutto su mia madre, il film da vedere (o rivedere) nella maratona natalizia [Recensione]

4' di lettura 17/12/2021 - Questa commedia nera estremamente sicura, per la quale Pedro Almodóvar ha vinto il premio per la miglior regia a Cannes, è il suo film migliore fino ad oggi, e un grande classico da rivedere in occasione della maratona natalizia.

Dall'inizio della sua carriera nei primi anni '80, Pedro Almodóvar è stato affascinato dall'ossessione spagnola per l'amore e la morte, dal gusto dei suoi connazionali per l'istrionismo e gli estremi emotivi e la tradizionale rigidità dell'identità sessuale.

Tutto su mia madre, che ha portato ad Almodóvar il premio per la miglior regia a Cannes e avrebbe dovuto ricevere la Palma d'oro, è il suo film migliore fino ad oggi. Questa commedia nera superbamente tramata e estremamente sicura di sé inizia con l'infermiera senior e madre single, Manuela (Cecilia Roth), che guarda All About Eve in TV con il suo bel figlio, Esteban, alla vigilia del suo diciassettesimo compleanno. Vuole diventare uno scrittore, ed è impegnato in un progetto scolastico chiamato “Tutto su mia madre”, per il quale vuole conoscere il padre che non ha mai incontrato e di cui non sa nulla.

Come regalo di compleanno, chiede di poter assistere alle sessioni di televisione a circuito chiuso che sua madre, coordinatrice di trapianti di organi, conduce con i giovani medici, in cui interpreta il ruolo della parente in lutto di un paziente deceduto i cui organi sono richiesti dall'ospedale. Quella notte, questa scena si ripete per davvero dopo che Esteban viene ucciso in un incidente stradale mentre cerca di ottenere l'autografo della grande attrice Huma Rojo (Marisa Paredes).

La seconda parte del regalo di compleanno del ragazzo è stata una visita allo spettacolo, che ha associazioni speciali per Manuela, che da adolescente ha interpretato Stella in una produzione amatoriale al fianco dello Stanley Kowalski dell'uomo che è diventato il padre di Esteban.

Da allora in poi, All About Eve e Streetcar percorrono la trama come leitmotiv. Continuando il lavoro di esplorazione del figlio, l'addolorata Manuela torna a Barcellona, ​​che aveva lasciato incinta 17 anni prima. Il treno si precipita attraverso un lungo tunnel verso la luce, Almodóvar taglia su un'inquadratura della città scintillante dal cielo, un taxi porta Manuela oltre la cattedrale di Gaudí, ma prosegue fino a una discarica suburbana dove le prostitute sgargianti sfilano per i marciapiedi. Questo, traspare, è dove una volta lavorava, e incontra di nuovo la sua migliore amica, un'esuberante prostituta transessuale (Antonia San Juan) che si definisce “La Agrado”, cioè "la simpatica".

Manuela scopre che il suo ex marito, nato Esteban ma che si fa chiamare Lola dopo essere diventato una prostituta travestita, ha rubato i risparmi di Agrado e ha lasciato una suora idealista, Rosa (Penélope Cruz), incinta e sieropositiva. Manuela si prende cura di entrambi e, nel frattempo, diventa l'assistente di Huma, il cui nome d'arte (versione femminizzata dello spagnolo per “fumo”) deriva dall'aver fumato a imitazione del suo idolo, Bette Davis. Quando l'amante tossicodipendente di Huma non è in grado di interpretare Stella in Streetcar, Manuela interviene, identificandosi appassionatamente con il ruolo. Alla domanda se può recitare, lei risponde: "So mentire molto bene e sono abituata a improvvisare". Inevitabilmente, è accusata di comportarsi come Anne Baxter in All About Eve.

Questo film divertente, triste ed emotivamente generoso parla di amore, esplora il mondo trans, e sdogana questo aspetto della sessualità dando una nuova luce alle trans Ancona, di Barcellona e di tutto il mondo in assoluto. Affronta i temi della genitorialità, amicizia e lealtà, di vita, arte e ruoli di recitazione, di ricreare sé stessi secondo i propri sogni e di cosa, è veramente naturale. Tutte le interpretazioni sono eccellenti e l'immagine è perfettamente progettata.

Mentre i tre scrittori specificamente citati – Truman Capote, Tennessee Williams, Federico García Lorca – sono omosessuali, questo non è in senso stretto, escludendo un quadro gay. Né, nonostante il fatto che gli unici due maschi eterosessuali di qualche conseguenza siano un ragazzo che muore nei primi 10 minuti e un vecchio con l'Alzheimer il cui cane lo porta a passeggio, questa è un'immagine di donna diversa dal modo in cui disegna certe convenzioni di Hollywood.






Questo è un articolo pubblicato il 17-12-2021 alle 20:39 sul giornale del 16 dicembre 2021 - 194 letture

In questo articolo si parla di redazione, spettacoli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cAEX


logoEV
logoEV
qrcode


.