Vitri: Ancora chiusi i servizi di guardia medica a Vallefoglia e Gabicce

casa della salute montecchio 2' di lettura 02/12/2021 - Chiuse anche a dicembre le postazioni di guardia medica a Vallefoglia e Gabicce. Questa situazione è gravissima e la mancanza di risposte da parte della Giunta Acquaroli inammissibile e pericolosa.

La Giunta ancora non è intervenuta neanche sulla rimozione delle incompatibilità che permetterebbe di reperire medici tra gli specializzandi, i pensionati e quelli con più di 650 mutuati. Riporterò il tema in Consiglio regionale lunedì 13 dicembre e questa volta l’Assessore Saltamartini dovrà dare le risposte che i cittadini meritano.

Non è accettabile, come la stampa ha riportato, che dei genitori con un neonato bisognoso di cure, in piena notte, non abbiano trovato un medico a cui rivolgersi in una cittadina di 16mila abitanti, baricentrica in tutta la vallata. Cosi come non è accettabile nemmeno che si pretenda dai medici di coprire in solitudine turni notturni per 23 euro lordo all’ora, esponendosi a innumerevoli rischi.

Il Piano organizzativo disposto a novembre continuerà anche a dicembre con un nulla di fatto: la “copertura dell’attività della Continuità assistenziale di Gabicce e Montecchio dalla postazione di Pesaro con un medico al lunedì al venerdì dalle 20 alle 8 e due medici a turno diurno“ nei prefestivi e festivi.

Come se questo non bastasse ad oggi restano completamene scoperti cinque turni. Il Distretto e i medici stanno cercando di gestire questa situazione drammatica, dovendo rapportarsi ogni giorno con i cittadini e con la richiesta di prestazioni sanitarie. Anche l’Area Vasta 1 ha cercato, nei giorni scorsi, soluzioni offrendo una incentivazione di 80/100 euro per ogni turno notturno coperto. Un grande sforzo della sanità locale che non deve essere vanificato dai gravi ritardi e dalla mancanza di risposte da parte della Giunta regionale, che deve intervenire subito affrontando la complessità.

Occorre ricordare che la Giunta Acquaroli era da tempo al corrente della carenza di medici, segnalata a giugno persino dagli stessi camici bianchi e da alcune organizzazioni sindacali, con tanto di proposte per evitare le chiusure. Invece non è stato fatto nulla. Al momento della chiusura delle postazioni di Vallefoglia e Gabicce, su un fabbisogno di 28 medici, si poteva contare solamente sulla disponibilità di cinque, perché 11 hanno lasciato per la specialistica fuori città, mentre gli altri 12 sono stati costretti a dimettersi per incompatibilità o per condizioni lavorative inaccettabili.

La Regione quindi avrebbe dovuto già da giugno attivarsi su più fronti, tra cui: ristori retribuiti con appositi accordi con l’ordine medici, come fatto da altre Regioni, ma anche deroghe alle incompatibilità di mandato ed eventuale rimodulazione degli orari. Le risposte da parte della Giunta Acquaroli non possono più aspettare.


da Micaela Vitri
Consigliera Regionale PD





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-12-2021 alle 20:19 sul giornale del 03 dicembre 2021 - 766 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, pesaro, montecchio, pd, consiglio regionale, casa della salute, comunicato stampa, Micaela Vitri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cxNm





logoEV
logoEV
logoEV