Il duo Delfino-Jones trascina la VL alla vittoria contro Cremona

7' di lettura 22/11/2021 - Prima, fondamentale, vittoria esterna per la Carpegna Prosciutto Pesaro che espugna il Pala Mario Radi di Cremona per 84-88. Una partita sempre punto a punto, con Pesaro che nonostante uno strappo di 11 punti a cavallo tra il 3° e il 4° quarto ha dovuto faticare per portare a casa il match. Tyrique Jones, Carlos Delfino e Davide Moretti decisivi per la vittoria: 23+11 rimbalzi il primo, 18 per il capitano e 14 per il figlio di Paolo Moretti.

VANOLI CREMONA 84 - 88 CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO

(18-19 / 20-19 / 18-25 / 28-25)

PRIMO QUARTO

Dopo i primi due minuti senza canestri, a muovere la retina ci pensa Davide Moretti seguito dal canestro di Jones. A sbloccare la Vanoli ci pensa la tripla di Tinkle per il 3-4 dopo 3 minuti. Vee Sanford e Tyrique Jones provano ad allungare, ma il giovanissimo Matteo Spagnolo ne segna 4 di fila e tiene lì la squadra di Galbiati. Moretti prova a prendersi in mano l'attacco della VL, ma dopo un canestro da sotto canestro sbaglia due triple ben prese e con fiducia. Sanford e Mcneace si rispondono a livello realizzativo, ma per il momento Jones è un fattore per Pesaro e ne segna altri due. Pesaro tira male da tre punti (0/5 in 9 minuti), ma in difesa riesce ad evitare la fuga dei padroni di casa. Jones segna da una parte, Pecchia porta a casa un 2+1 dall'altra: 18-16 dopo 9 minuti. Larson si sblocca e regala alla VL sia il vantaggio che la prima tripla di serata. Dopo 10 minuti Pesaro è avanti 18-19.

SECONDO QUARTO

Jalen Harris da una parte e Carlos Delfino dall'altra segnano da dietro l'arco, a due belle giocate però si alternano due giocate discutibili: Harris forza e sbaglia da tre punti, mentre Larson butta via malamente la palla. Harris è entrato in partita: 5 in fila di puro talento e 26-22 Cremona, grazie anche ad un altra palla persa di Larson. Pesaro butta via un'altra palla e Tinkle dalla media si butta indietro e segna il canestro che vale il +6 e obbliga Banchi al timeout. Ancora Harris che trova Cournooh per due punti facili facili, mentre dall'altra parte c'è sempre Jones a dettare legge nel pitturato. Canestri di Sanford e Cournooh e al giro di boa del secondo quarto la Vanoli è sul 33-29. Si sblocca da tre punti anche Leo Demetrio, partita che vorrà dire tanto sulla sua permanenza a Pesaro, poi Tambone segna il canestro del -1 e ora ha fermare la partita è coach Galbiati. Brutta transizione difensiva della VL e Tres Tinkle ne approfitta con un facile canestro e fallo, seguiti dai punti 5 e 6 di Moretti. Ancora molto bravo Davide Moretti a rubare palla e andare a depoisitare il layup della parità, seguono gli errori dalla lunghissima distanza di Harris e Zanotti. Dopo 20 minuti è assoluta parità al Pala Mario Radi di Cremona: 38-38.

TERZO QUARTO

Cremona tira tre volte in una sola azione e alla fine Harris trova il colpo grosso con la tripla, mentre dall'altra parte Jones segna ancora e invece Zanotti, dopo l'airball a fine primo tempo, sbaglia anche due liberi. Zanotti si sblocca, Jones subisce sfondamento e poi Delfino ne fa 5 in fila: Pesaro avanti 43-47. McNeace è costretto a lasciare in campo per un infortunio, con Cremona che accusa il colpo sommato al parziale biancorosso. Moretti inventa per Jones che subisce fallo e dalla lunetta fa 1/2. Cremona rientra dal timeout con Tres Tinkle sugli scudi che ne fa 5 in fila ed ora a fermare il match è Luca Banchi (48-48 al 25'). Canestri di talento sopraffino di Carlos Delfino e Matteo Spagnolo, la vecchia scuola e il futuro della nazionale italiana che danno spettacolo sul parquet del PalaRadi. Demetrio cambia un Zanotti un po' opaco mentre Delfino è perfetto dalla lunetta. Pazzesco Tyrique Jones: pecchia deraglia, Jones ruba, corre subito dall'altra parte, riceve e lascia un cioccolatino dietro la schiena per Demetrio che da sotto fa +5 e, per non farsi mancare niente, timbra la 3° stoppata della sua partita e poi va a segnare i punti 14 e 15. Ancora Tyrique Jones che fa 2/2 a cronometro fermo e si va a prendere un po' di meritato riposo, dopo aver dato vita alla fiammata pesarese che vale il +9. Cremona ne fa 4 con Pecchia e Miller dalla lunetta, ma allo scadere Tyrique Jones si inventa letteralmente un canestro dal nulla. A fine terzo quarto è 56-63 Pesaro.

QUARTO QUARTO

Le due spine dorsali della Vuelle fanno +11: per ben due volte Delfino to Jones e 56-67. A prende in mano la Vanoli, per dare una scossa emotiva, ci pensa ancora una volta Matteo Spagnolo che segna e porta a casa il libero, poi convertito. Galbiati propone una zona 2-3 per cercare di limitare Jones e sfidare Pesaro dalla lunga distanza e alla prima occasione Larson sbaglia una tripla che avrebbe tagliato le gambe a Cremona. Spagnolo segna ancora a cronometro fermo su un altro fallo di Jones che arriva a quota 3. Larson perde la palla, Cournooh segna e il parziale diventa 7-0, la Vanoli è in partita. A interrompere il digiuno di Pesaro ci pensa capitan Delfino con una tripla fondamentale, seguita dal sottomano di Vee Sanford. Cremona esagera nel voler accorciare i tempi e sbaglia ancora, dall'altra parte di puro talento ancora Carlos Delfino. Ritmi folli, si corre da una parte all'altra del campo e si tira nei primissimi secondi dell'azione: ne risentono le percentuali al tiro per entrambe le squadre che rimangono al palo per un minuto e mezzo, fino alla tripla di Miller per il 66-74 a 4 minuti dalla fine. Cournooh brucia letteralmente Zanotti e porta a casa un canestro e fallo, senza però convertire il libero. Moretti alza per Zanotti e Pesaro ne porta a cas due per rimanere sul +8. Le due squadre ora provano a ragionare di più, con la palla che inizia a pesare tanto: Milller fa 2/2 dai liberi, Pesaro perde due palloni consecutivi e a 140 secondi dalla sirena Spagnolo fa 1/2 dai liberi: 71-76. Sanford sbaglia, Miller senza coscienza da tre punti, 74-76 a meno di due minuti dalla sirena. Moretti, Larson, Sanford, Delfino e Jones, quintetto piccolissimo per Pesaro nel momento decisivo. Vee Sanford segna una tripla di importanza capitale, Delfino si lascia ingolosire dal pallone e commette fallo su Miller che fa un sanguinoso 0/2 dai liberi. Larson forza e sbaglia dalla media, Harris si guadagna altri due liberi che questa volta converte. Davide Moretti segna un canestro fondamentale, ma Harris spara la tripla del -2 a 20 secondi dalla fine. Moretti viene mandato in lunetta e fa 2/2 che valgono il +4 a 11 secondi dalla fine. Cournooh sbaglia completamente la rimessa, Delfino la ruba e arriva il fallo sistematico su Sanford che dalla lunetta è perfetto. Spagnolo porta a casa un fallo sul terzo tempo, segna i liberi e fa 81-85 a 8 secondi dalla fine. Altra gita in lunetta per fallo sistematico su Moretti che segna i liberi. Ancora Matteo Spagnolo segna una tripla che tiene lì Cremona. Larson dai liberi fa 1/2 che basta e avanza. Vince Pesaro 84-88.

TABELLINI

Cremona: Agbamu 0; Harris 20; McNeace 2; Pecchia 5; Spagnolo 19; Tinkle 15; Cournooh 9; Miller 14; Poeta n.e.; Sanogo n.e.; Gallo n.e; Vecchiola n.e.

Pesaro: Drell n.e.; Moretti 14; Tambone 0; Camara 0; Zanotti 4; Sanford 18; Larson 6; Demetrio 5; Delfino 18; Jones 23.






Questo è un articolo pubblicato il 22-11-2021 alle 10:48 sul giornale del 22 novembre 2021 - 1334 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, vuelle, victoria libertas, articolo, Carpegna Prosciutto Basket Pesaro, Kevin Bertoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cvqc