Domotica, il 43% degli italiani possiede un oggetto per smart home: quali sono i più utilizzati

3' di lettura 12/10/2021 - Il mercato della domotica è in grande espansione in Italia, e non potrebbe essere diversamente. Si parla infatti di un settore capace di garantire enormi benefici alle case degli italiani, sia in termini di comfort che di risparmio energetico (e dunque economico). Dopo un breve calo delle vendite a causa della pandemia, oggi il comparto torna a volare, con alcuni dispositivi in particolare che riscuotono un grande successo.

La domotica per gli italiani: la sicurezza è al primo posto

Stando alle ultime indagini ufficiali, il mercato della domotica in Italia gode di ottima salute. Secondo i dati, il 43% degli italiani ospita a casa propria almeno un dispositivo domotico, come nel caso degli antifurto smart, delle telecamere di sorveglianza o degli elettrodomestici che possono essere gestiti in remoto tramite app. Il settore della sicurezza è uno dei più gettonati, per via delle enormi potenzialità concesse dalla smart home e dal controllo da remoto dei vari dispositivi di security. Bene anche il comparto degli elettrodomestici intelligenti, che oramai rappresentano una presenza fissa nelle case degli italiani.

Come anticipato, il mercato ha saputo riprendersi dalla crisi del 2020, con un calo intorno al 60% datato marzo, a causa del primo lockdown. È bene sottolineare che – quando si tratta di smart home e di domotica – gli italiani non badano a spese: sono infatti disposti a spendere cifre piuttosto elevate, pur di portarsi a casa un dispositivo di ultima generazione. Nel prossimo paragrafo scopriremo quali sono i prodotti smart più utilizzati.

Quali sono i prodotti smart preferiti dagli italiani

La prima citazione spetta di diritto agli smart speakers, con una percentuale del 12% (secondi soltanto alle tv smart). Nella lista, poi, bisogna considerare tutti i device di casa che possono essere controllati dalla domotica. l’illuminazione intelligente, ad esempio, è uno dei must nelle case di oggi, con i sistemi dotati di sensori di movimento che si attivano e si disattivano in base alla presenza umana nei vari ambienti. Si tratta di una tecnologia utile ma anche ideale per risparmiare sugli sprechi in bolletta. Inoltre, queste lampadine possono essere gestite anche attraverso il telefono, e in realtà sono tantissime le operazioni che possiamo compierci.

In linea con questo trend troviamo anche alcuni nuovi fornitori di energia che permettono di monitorare i consumi attraverso l’uso dello smartphone: sottoscrivendo alcune offerte specifiche, come quella di gas e luce di Wekiwi ad esempio, è possibile controllare nel dettaglio i consumi tramite app. Strumenti di questo tipo danno l’occasione di comprendere facilmente quali saranno i costi in bolletta a fine mese e su cosa potrà essere necessario risparmiare in futuro. Infine, si chiude ritornando alla sicurezza, potenziata dalla domotica e da apparecchi come le telecamere wi-fi controllabili da remoto, le serrature biometriche, gli allarmi e gli antifurto smart, che sono sicuramente certamente considerabili alcuni tra gli strumenti più apprezzati.






Questo è un articolo pubblicato il 12-10-2021 alle 16:16 sul giornale del 12 ottobre 2021 - 62 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cnY9