Pesaro centra la prima vittoria stagionale: Trieste battuta 74-61

5' di lettura 07/10/2021 - La Carpegna Prosciutto gioca una partita molto solida dal punto di vista difensivo e, traghettata da un Tyrique Jones capace di fare 11/11 dal campo, conquista i primi due punti della stagione. Trieste paga una bassa percentuale da tre punti che non le ha permesso di rientrare in partita nel momento topico del match.

IL RACCONTO DELLA PARTITA

PRIMO QUARTO

Marco Delia apre le danze, poi ci pensa Tyrique Jones a portare avanti la Carpegna Prosciutto con due realizzazioni in fila. Le due guardie Banks e Sanford si rispondo da dietro l'arco con le prime triple di serata. Arriva il primo canestro con la maglia biancorossa per Tyler Larson che fissa il punteggio sul 9-7. Dopo la schiacciata di Jones e i liberi di Delia, le due squadre rimangono a secco per due minuti, con le difese che hanno la meglio sui due attacchi. A sbloccare la situazione ci pensa ancora un ottimo Tyrique Jones, seguita dalla tripla di capitan Delfino per il +4 Pesaro (16-12). Nell'ultimo possesso del quarto Delfino è pigro in difesa su Mian che facilmente va fino in fondo ad inchiodare il 16-14 e così si chiudono i primi 10 minuti.

SECONDO QUARTO

Pesaro difende molto bene sui pick and roll triestini riuscendo a chiudere ogni linea di passaggio, ma anche dall'altra parte la squadra di coach Franco Ciani riesce a fermare molto bene le soluzioni offensive dei marchigiani. Ci pensa Adrian Banks a far muovere il tabellino della partita con un layup che vale il 16-16. Parità durata solo il tempo di essere nell'altra metà campo perchè ci pensa Davide Moretti a riportare la VL con la testa avanti. Dalla lunga distanza entrambe le squadre hanno le polveri bagnate, come dimostrato dalle percentuali a metà secondo quarto (2/11 Pesaro e 1/7 Trieste), per questo il punteggio è sul 20-20 quando mancano solo 4 minuti al termine del primo tempo. Delfino fa 2/3 dai liberi, Sanford ruba palla a Banks e dall'altra parte Zanotti fa +4 Pesaro. Corey Sanders spacca in due la difesa marchigiana e poi lascia un cioccolatino a Delia che schiaccia, ma il favore è subito reso dal duo Sanford-Jones con il primo che alza e il secondo che chiude l'alley oop. Sanford continua a fare un ottimo lavoro su Adrian Banks, intercettandone il passaggio e correndo in contropiede che porta al fallo sul terzo tempo di Larson che fa 1/2 dalla lunetta. Una volta raggiunto il +5 c'è un passaggio a vuoto della VL che viene subito punito dai giuliani: tripla di Banks dall'angolo e palla rubata con schiacciata in contropiede da parte di Sanders (27-27). Nell'ultimo minuto del quarto Pesaro riesce lievemente ad allungare grazie a Jones e Zanotti che fanno +4, seguite dalle triple di Grazulis e Sanford. Si va a riposo sul 34-30.

TERZO QUARTO

Tyrique Jones continua a dettare legge nel pitturato: due schiacciate in apertura di quarto e 8/8 al tiro con 6 rimbalzi dopo 16 minuti. Momento della partita molto confusionario: entrambe le squadre alzano il ritmo, ma la lucidità viene meno e dunque fioccano forzature e palle perse. Jones fa 9/9 dal campo, ma dall'altra parte Sanders alza per Delia che arriva in doppia cifra per il canestro che vale il -5. Il ritmo continua ad essere altissimo, ma la qualità della pallacanestro offerta non è paragonabile alla velocità del match. Dopo una serie di attacchi a vuoto per entrambe le squadre, Delfino segna la sua seconda tripla di serata e dall'altra parte Sanders realizza da distanza ravvicinata. Gli arbitri giudicano la spinta di Mian ai danni di Demetrio come antisportiva e il brasiliano dalla lunetta fa 1/2, a cui segue il canestro di Sanford per il +9. Petrovic lamenta un fallo ai danni di Sanford sulla penetrazione precedente, ma le sue richieste vengono punite con un tecnico che permette all'Allianz di tornare a -6. Delfino ricaccia Trieste a -9, ma i ragazzi di Ciani non mollano e con i canestri di Grazulis e Fernandez tornano sotto di due possessi. Le triple di Sanford e l'1/2 dai liberi di Sanders fissano il punteggio sul 54-47 dopo 30 minuti.

QUARTO QUARTO

Al momento la differenza la fanno i tiri da tre punti: Pesaro è riuscita ad aggiustare lievemente le percentuali, mentre Trieste continua a litigare con il canestro da oltre i 6,75. Zanotti e Delfino segnano due triple in rapida successione e la Carpegna Prosciutto scappa sul 60-47. A svegliare Trieste ci pensa l'ex di serata Daniele Cavaliero con una tripla dall'angolo, seguita dai due punti di Delia, con Aza Petrovic che ferma subito la gara. Gli ospiti muovono molto bene la palla sul perimetro, ma non riescono a concretizzare il tutto con il canestro. Banks segna i suoi primi due punti del secondo tempo a 5 minuti dalla sirena finale, mentre dall'altra parte Jones è davvero un rebus irrisolvibile per la difesa. Ancora Cavaliero a suonare la carica per i suoi: tripla e -5. Ancora, sempre, Tyrique Jones che fa 11/11 dal campo per il +7 pesarese a 2 minuti e mezzo al termine. Trieste ha l'opportunità di rientrare in partita per l'ultima volta, ma Pesaro riesce a fare due difese perfette senza permettere agli ospiti di andare al tiro; sul cambio di campo la tripla di Tyler Larson chiude definitivamente i conti. Vince Pesaro 74-61.

TABELLINI

PESARO: Drell 0; Moretti 2; Camara 0; Zanotti 9; Sanford 15; Larson 7; Demetrio 3; Delfino 14; Jones 24 (11 reb); Stazzonelli N.E.

TRIESTE: Banks 12; Sanders 9; Fernandez 3; Deangeli 0; Mian 5; Delia 15; Cavaliero 6; Grazulis 7; Lever 4; Campogrande N.E.






Questo è un articolo pubblicato il 07-10-2021 alle 10:43 sul giornale del 08 ottobre 2021 - 1849 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, vuelle, victoria libertas, articolo, Carpegna Prosciutto Basket Pesaro, Kevin Bertoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cmTH