Pesaro lotta ma non basta, vince Sassari all'ultimo respiro

5' di lettura 26/09/2021 - Esce sconfitta, ma a testa alta la Carpegna Prosciutto Pesaro dal PalaSerradimigni di Sassari. Gli uomini di Petrovic tengono testa alla Dinamo e, dopo una gara fatta di parziali e controparziali, si arrendono solo nel finale a causa di una scelta non proprio accurata di Vee Sanford che, fino a quel momento, aveva trascinato la Vuelle.

LA CRONACA DELLA PARTITA

PRIMO QUARTO

Pronti via e Eimantas Bendzius risponde a Tyrique Jones per il 2-2 iniziale. La partita è subito molto fisica, con le difese che hanno la meglio sui rispettivi attacchi. Pesaro si porta sul 6-2 con i canestri di Sanford e Demetrio, ma dopo una serie di buone difese subisce la tripla del solito Bendzius che tiene a galla gli isolani. Le due squadre si rispondono colpo su colpo con Jones e Mekowulu che fanno muovere i rispettivi tabellini. Dopo che Tambone in corsa sigla il 7-9 biancorsso, la Dinamo inizia a prendere le misure dei marchigiani e migliorano le percentuali in attacco: canestri di Mekowulu e di David Logan per il primo vantaggio sassarese. A tre minuti dalla fine del primo quarto c'è l'esordio di Jacopo Borra per la Dinamo Sassari. Pesaro continua a lavorare molto bene vicino al ferro con Tyrique Jones che ne segna altri due per il 12-13. Piccolo break marchigiano firmato Carlos Delfino che ne segna 5 in fila per il 13-18. Sassari però non fa scappare gli avversari e con i primi due del match di Burnell e la tripla del "professore" Logan si riporta sul 18-18. Il primo quarto termina con i primi due di Caio Pacheco per il 18-20 Vuelle.

SECONDO QUARTO

I secondi dieci minuti si aprono con i canestri di Treier e le due splendide giocate di Christian Mekowulu: prima stoppa Camara e poi segna da sotto per il nuovo vantaggio biancoblù 22-20. A cavallo tra i due quarti bel parziale dei sardi (12-2) guidati da Burnell e Treier che, con cinque punti, fanno 27-22 per i padroni di casa, costrigendo Aza Petrovic al time out. Rientra molto bene Pesaro dal timeout con Vee Sanford che sale in cattedra: prima regala l'assist a Jones, poi porta a casa un ottimo gioco da tre punti e come se non bastasse ruba palla e vola a segnare il 27-31 ospite e questa volta a fermare la partita è coach Cavina. Partita che va a parziali e ora è il turno della Dinamo: Gentile e Mekowulu si alternano e segnano ben 9 punti per il 36-31. Non un grande momento per la Carpegna Prosciutto a 2 minuti alla sirena del primo quarto: Tambone fa 0/2 dalla lunetta e Zanotti va cortissimo da oltre i 6,75. Ci pensano Tambone, Jones e Sanford a far muovere di nuovo il tabellino: tripla del primo, canestro su rimbalzo offensivo del secondo e layup per il terzo per il 36-38. Si va negli spogliatoi sul 36-38 per Pesaro.

TERZO QUARTO

Sono le due guardie a segnare i primi canestri della ripresa, Sanford da una parte e Logan dall'altra con una tripla. Carlos Delfino si butta dentro e con uno splendido reverse fa +5, ma Bendzius non è dello stesso avviso e da tre riporta i suoi sotto di un solo possesso. Ancora Eimantas Bendzius a far male a Pesaro: legge perfettamente il backdoor di Burnell per il 44-44. Mekowulu e Bendzius pareggiano i canestri di Sanford e Jones, perfetta parità a metà terzo quarto a quota 48. Ancora Christian Mekowulu a fare la voce grossa vicino al ferro e il suo tabellino recita ben 13 punti, 9 rimbalzi e 3 stoppate a meno di tre minuti dalla fine del quarto. Sassari si blocca in attacco, grazie anche ad una buona difesa biancorossa, mentre dall'altra parte Delfino e Demetrio fanno 50-53. Dopo il canestro di Battle, la tripla di Moretti chiude il terzo quarto sul 52-56.

QUARTO QUARTO

Pacheco trova Zanotti che si sblocca e segna da tre punti per il +7. Battle segna, Pacheco perde banalmente palla con una infrazione di doppio palleggio e poi Mekowulu segna, subisce il fallo e converte il libero 57-58. Non segna più Pesaro, lo fa e bene invece Sassari con Battle che segna, subisce fallo di Delfino e completa il 2+1 per il nuovo vantaggio locale, che poi aumenta grazie al canestro di Logan. Aza Petrovic ferma, finalmente, la partita e chiama timeout. Torna a segnare Sanford, ma in questa fase centrale dell'ultimo periodo la Vuelle si sta affidando molto agli uno contro uno dei propri esterni e, così come successo contro Venezia in Supercoppa, la tattica non paga a sufficienza infatti sono solo 2 punti in 3 minuti per la squadra di Petrovic. Dall'altra parte ancora un super Mekowulu che in avvicinamento, di forza, fa 64-61. Segna Sanford, risponde con un gioco da tre punti il solito Mekowulu che fa di nuovo +4. Triple in successione di Tambone e Gentile quando mancano 2:50 alla sirena. Ancora, sempre, Sanford che segna da tre ed è di nuovo -1 Pesaro. Bellissimo il duello offensivo a distanza tra Mekowulu e Sanford, i due trascinatori delle compagini. 90 secondi alla fine, 70-69 Sassari, time out Carpegna Prosciutto. Tambone spreca il possesso decisivo del match, trova invece la giugulare della partita David Logan che esce bene dai blocchi e segna la tripla 73-69. Pronta la risposta di Sanford che fa -2. Sassari perde palla e Moretti trova Jones solo soletto in area per il 73 pari a 13 secondi dalla fine. Vee Sanford fa una sciocchezza e commette fallo, con il bonus esaurito, a centrocampo su Gentile che dalla lunetta fa 2/2. Sanford prova a riscattarsi, ma sbaglia da tre punti. Vince Sassari 75-73.

TABELLINI

SASSARI: Logan 14; Gandini 0; Devecchi 0; Treier 5; Chessa 0; Burnell 6; Bendzius 10; Mekowulu 21 (11 reb); Gentile 10; Battle 9; Borra 0; Sanna n.e.

PESARO: Drell 0; Moretti 5; Pacheco 2; Tambone 12; Camara 0; Zanotti 3; Sanford 22; Demetrio 4; Delfino 9; Jones 16






Questo è un articolo pubblicato il 26-09-2021 alle 13:57 sul giornale del 27 settembre 2021 - 1362 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, vuelle, victoria libertas, articolo, Carpegna Prosciutto Basket Pesaro, Kevin Bertoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cld0





logoEV
logoEV