A Sant’Angelo in Lizzola un weekend a Costanza Monti aspettando le celebrazioni di Giulio Perticari

3' di lettura 17/09/2021 - Aspettando Giulio..., ovvero le celebrazioni (nel 2022, bicentenario della sua morte) per Giulio Perticari, il Comune di Vallefoglia, in collaborazione con il Consiglio Regionale della Marche, il Comune di Pesaro, l’Ente Olivieri e l’Associazione Le Voci dei Libri dedicano un evento, in due giornate, alla sua celebre consorte: Costanza Monti.

Sabato 18 e domenica 19 settembre, a Sant’Angelo in Lizzola, comunicano il Sindaco Sen. Palmiro Ucchielli e l’Assessore alla Cultura Dott. Mirco Calzolari, sui “palchi” della splendida Chiesa dei Sant’Egidio e del rinnovato Teatro Branca si alterneranno esperti e studiosi (Riccardo Paolo Uguccioni, Silvia Cecchi, Cristina Ortolani, Anna Cerboni Baiardi, Fabrizio Battistelli, Brunella Paolini, Chiara Agostinelli) e numerosi lettori delle Voci dei Libri per raccontare le vicende biografiche ed artistiche di Costanza Monti. Una narrazione ricca e articolata che, anche grazie alla generosa collaborazione della Famiglia Cacciaguerra Perticari e, in particolare, di Giancarlo Cacciaguerra Perticari, alla memoria del quale è dedicato l’evento, si avvale di preziosi documenti inediti.

Figlia di Vincenzo Monti e Teresa Pikler, Costanza nasce a Roma il 7 giugno 1792. Vive nella capitale fino all’età di 5 anni, e poi segue i genitori a Bologna, a Milano, a Venezia, in Francia ed infine di nuovo a Milano. Studia a Ferrara, presso il collegio delle Orsoline. Per volere dei genitori, pur innamorata del giovane Andrea Mustoxidi, sposa nel 1812 il conte Giulio Perticari di Savignano sul Rubicone, di nobile famiglia, poeta e filologo. Dotata di cultura e sensibilità poetica, Costanza frequenta Accademie Letterarie, scrive Iei stessa componimenti poetici, è raffinata dantista e si diverte a comporre sciarade. Ha uno stile del tutto personale, anche neII’abbigliamento. Prematuramente, Giulio Perticari muore a causa di un tumore al fegato. Costanza viene accusata dai familiari del marito - il fratello Gordiano e il cugino Francesco Cassi - di averlo avvelenato. Cacciata e privata di tutti i suoi averi, esclusa anche dal testamento del Monti per volere della madre, dal 1836 Costanza si trasferisce nel Convento delle Orsoline a Ferrara dove muore il 7 settembre del 1840.

Il programma delle due giornate di iniziative prevede:

sabato 18 settembre
Chiesa di Sant’Egidio
ore 16.00 Saluti delle Autorità
ore 16.30 Riccardo Paolo Uguccioni “Sant’AngeIo in Lizzola e Io Stato d’Urbino al tempo di Giulio Perticari”;
ore 17.00 Silvia Cecchi “La dilemmatica Costanza. Momenti di una biografia femminile”; Letture di Silvia Melini e Matteo Giunta
Teatro Branca
ore 18.00 Cristina Ortolani “L’invenzione dello stile. Il guardaroba di Costanza Monti tra moda di Francia e italiche tolette”;
ore 18.45 Anna Cerboni Baiardi “Costanza in arte. Ritratti e disegni”;
Ristorante Vecchia Fonte
ore 20.00 Aperitivo buffet (euro 10)

domenica 19 settembre
Chiesa di Sant’Egidio
ore 10.00 Fabrizio Battistelli e Brunella Paolini “Il Fondo Perticari della Biblioteca Oliveriana: le carte di Costanza”;
Teatro Branca
ore 11.00 Chiara Agostinelli “Le sciarade, le rose e le stelle. Note su tre scritti inediti di Costanza Monti”; letture di Francesca Di Modugno e Luigi Sica
ore 12.00 “Pensieri sull’lnferno. Costanza e gli studi sulla Commedia di Dante”, letture a cura di Le Voci dei Libri con Elena Avanzi, Maria Rosa Cecchini, Cristian Della Chiara, Eleonora Del Sorbo, Enrico Fossa, Lucrezia Maria Fossa, Roberto Minuz, Patrizia Romagnoli, Claudia Rondolini, Marcella Tomassoli
Parco Perticari Cacciaguerra
ore 13.00 Déjeuner sur l’herbe - Pic nic al sacco
(in caso di maltempo l’iniziativa si terrà al Conventino dei Serviti di Maria di Monteciccardo)

Il Sindaco invita a partecipare all’evento che si svolgerà nel rispetto delle procedure di legge inerenti al contenimento della diffusione del Covid 19 attualmente vigenti per cui si raccomanda il rigoroso rispetto del mantenimento del distanziamento sociale, l’uso della mascherina e l’igienizzazione delle mani: l’ingresso all’iniziativa è gratuito.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-09-2021 alle 17:12 sul giornale del 18 settembre 2021 - 520 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune, vallefoglia, Comune di Vallefoglia, vallefoglia pesaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cjOJ





logoEV
logoEV