Smaltire cartucce a Pesaro: come fare?

3' di lettura 21/06/2021 - Dove vanno smaltite le cartucce esauste in provincia di Pesaro? Le cartucce, proprio come i toner, sono dei rifiuti che si producono in quantità importanti, anche a livello di utenze domestiche, di conseguenza non sono di certo pochi i cittadini che si chiedono come debbano essere gestiti simili rifiuti. Cerchiamo di fornire una risposta esauriente.

Lo smaltimento delle cartucce richiede procedure ad hoc

Bisogna sottolineare anzitutto che le cartucce non possono essere smaltite nella differenziata, come siamo abituati a fare per i comuni rifiuti domestici: la presenza di tracce di inchiostro al loro interno, infatti, rende questi rifiuti potenzialmente dannosi per l’ambiente, ragion per cui sono necessarie delle procedure specifiche.

Le cartucce che siamo soliti acquistare per gli utilizzi casalinghi, come anche per le stampe da effettuare in ufficio, appartengono alla categoria CER 08 03 18, la quale identifica in maniera specifica i rifiuti speciali non pericolosi.

Determinate tipologie di cartucce, in realtà, possono appartenere anche a una categoria differente, ovvero la CER 08 03 17, la quale indica invece dei rifiuti speciali pericolosi, questo tuttavia è un caso che riguarda solo grandi consumabili utilizzati per scopi industriali, di conseguenza tale eventualità può essere esclusa.

È comunque una buona prassi verificare sempre, sulla confezione del prodotto, che esso sia appartenente alla categoria CER 08 03 18.

Chiarito questo aspetto, possiamo ora chiederci: come devono essere smaltite le cartucce, ovvero i rifiuti speciali non pericolosi?

Questi rifiuti vanno conferiti presso i centri di raccolta cittadini

Come si diceva, tali rifiuti non sono conferibili nella differenziata, ma è necessario rivolgerli a dei centri di raccolta, quindi strutture specifiche, note anche come “isole ecologiche”, presenti in tutte le città.

Come si può leggere nel sito Internet istituzionale del Comune di Pesaro, a questo link, la gestione dei rifiuti in città è gestita dalla società Marche Multiservizi S.p.A., di conseguenza per conoscere dove si trovano i diversi centri di raccolta, gli orari di apertura e quant’altro, si rimanda al relativo sito Internet ufficiale; è utile sottolineare che l’azienda gestisce ben 18 sportelli a cui i cittadini possono rivolgersi per richiedere informazioni o per la gestione di pratiche correlate alla gestione di rifiuti.

È questo, dunque, il modo corretto di gestire questo tipo di rifiuti; ovviamente non è necessario recarsi immediatamente presso un centro di raccolta quando una cartuccia si esaurisce, anzi rifiuti di questo tipo possono essere facilmente collocati in un piccolo contenitore, portandoli a smaltire solo quando se ne sono accumulati in quantità rilevanti.

Soluzioni alternative per smaltire correttamente le cartucce esauste

Esistono anche altre soluzioni per smaltire correttamente le cartucce esauste: a livello aziendale, ad esempio, si è soliti utilizzare dei grandi contenitori in cartone in cui si collocano i materiali da gettare e che sono prelevati periodicamente da società specializzate nella gestione di rifiuti.

Non bisogna dimenticare neppure che determinati brand hanno dei programmi privati di smaltimento dei rifiuti gestiti autonomamente e attivi su tutto il territorio nazionale.

Particolarmente noto ed efficiente è, ad esempio, il programma HP Planet Partners, dedicato in modo specifico al riciclo dei materiali di consumo; chi acquista cartucce HP originali da siti web specializzati come LaMiaStampante, dunque, può farvi assolutamente riferimento.






Questo è un articolo pubblicato il 21-06-2021 alle 12:12 sul giornale del 21 giugno 2021 - 102 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7YJ





logoEV