Amnesty festeggia i 60 anni piantando l'albero dei diritti: sabato appuntamento al Parco Miralfiore

parco miralfiore 2' di lettura 27/05/2021 - Sabato 29 maggio alle ore 18 al Parco Miralfiore il gruppo di Pesaro festeggerà il 60esimo anniversario della fondazione di Amnesty International, piantando “l’albero dei diritti”.

L’iniziativa, dal titolo “Facciamo crescere i diritti”, è realizzata con il patrocinio del Comune di Pesaro, che sarà rappresentato dall’assessora Sara Mengucci, ed è aperta alla cittadinanza. Nel corso dell’evento verrà scoperta una targa celebrativa con le parole di Peter Benenson, fondatore di Amnesty International e verranno ricordate le campagne che hanno impegnato l'associazione nella difesa dei diritti umani.

L'appuntamento è di fronte al bar del Parco Miralfiore alle ore 18: Andrea Fazi, divulgatore ambientale, guiderà una breve visita al Parco, per procedere poi alla piantumazione. Seguirà un aperitivo a prezzo concordato (necessaria la prenotazione per questioni organizzative/sanitarie, al numero 3290164650 oppure 3290620802) con lettura di alcune testimonianze, tra cui quella di Luis Sepúlveda.

“Vogliamo celebrare questi 60 anni di lotte in difesa delle vittime di violazioni dei diritti umani – così Cristina Campagna, responsabile del gruppo Amnesty di Pesaro – regalando alla città un albero dai fiori gialli: un simbolo per ricordare quanto lavoro è stato fatto e quanto ancora ce ne sia da fare. Perché per far crescere i diritti umani serve cura, impegno e dedizione da parte di tutti”.

Sabato alle ore 18 sono inoltre previste iniziative in contemporanea anche a Macerata ed Ancona. In sessant’anni Amnesty ha raggiunto traguardi importanti. Attraverso campagne e mobilitazioni, ha ridato libertà e dignità ad oltre 50mila persone. Ha contribuito all’abolizione della pena di morte in molti paesi del mondo. Ha lottato contro la pratica aberrante della tortura: grazie anche alla pressione dell'associazione, nel 1984 l’Onu ha adottato la Convenzione contro la tortura e nel 2017 l’Italia ha finalmente codificato il reato all’interno del Codice Penale. Sessant’anni fa l’omosessualità era considerata reato in molti paesi del mondo; oggi, grazie all’attività di sensibilizzazione condotta da Amnesty e dalla società civile, passi avanti sono stati fatti per garantire il rispetto e combattere la discriminazione, in tutte le sue forme.

L’impegno per i diritti umani continua: in difesa dei prigionieri di coscienza detenuti ingiustamente, delle donne vittime di violenza, dei migranti torturati nei centri di detenzione in Libia e non solo, dei manifestanti che hanno subito violenze da parte della polizia. Oggi Amnesty è un movimento globale fatto di oltre 10 milioni di persone; la Sezione Italiana conta circa 70.000 tra soci e sostenitori, con gruppi di attivisti diffusi su tutto il territorio nazionale. Per informazioni sulle iniziative del 60esimo anniversario: tel 3290164650; pagina Amnesty Pesaro su Facebook e Instagram.


da Amnesty International
gruppo di Pesaro





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-05-2021 alle 15:50 sul giornale del 28 maggio 2021 - 286 letture

In questo articolo si parla di attualità, amnesty international, pesaro, parco miralfiore, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b4Os





logoEV
logoEV
logoEV
qrcode