Detenuto da in escandescenze, mette a soqquadro il pronto soccorso e aggredisce gli agenti della penitenziaria

pronto soccorso 2' di lettura 25/05/2021 - Altro evento critico questo lunedì 24 maggio nel carcere di Villa Fastiggi, Non si è fatto in tempo a riaprire i reparti detentivi dopo la chiusura dovuta al focolaio da Covid 19 che c'è stata subito un'aggressione da parte di un detenuto marocchino.

Prima contro un sovrintendente che era di sorveglianza generale, dopodichè per lo stesso detenuto é stato disposto un aso (accertamento sanitario obbligatorio) presso il nosocomio cittadino.

Poi all 'atto della dimissione ha dato in escandescenza, aggredendo anche il personale di scorta, mettendo a soqquadro il Pronto soccorso di Pesaro, Tant'é che è stato necessario l'intervento di una Volante della polizia, oltre all'intervento di ulteriori 2 unità inviate in rinforzo dal Carcere.

Ogni giorno negli istituti di pena italiani si verificano episodi di violenza ai danni degli uomini e delle donne della polizia penitenziaria. Ormai da anni la situazione degenera giorno dopo giorno, e nessuno si attiva concretamente nella ricerca di una soluzione, che di sicuro va individuata in strumenti normativi atti a tutelare la Sicurezza degli operatori penitenziari, soprattutto per chi opera nelle sezioni detentive e quotidianamente subisce aggressioni fisiche e verbali e nell'invio di nuove unità per sopperire alla grave carenza organica che affligge il penitenziario pesarese (circa 25 unità).

A denunciare l'ennesimo episodio criminoso ai danni del Personale operante a Villa Fastiggi è il Cartello Sindacale di maggioranza. Composto dalle sigle Osapp, Uil, Sinappe-Spp, Uspp, Cisl, Cgil, Attraverso i rappresentanti dell'Istituto pesarese.

Solidarietà ai colleghi coinvolti nell'aggressione che hanno riportato fino a 5 giorni di prognosi ed a loro va il nostro augurio di pronta guarigione.Si prospetta un'estate incandescente all'istituto di Villa Fastiggi. Auspichiamo che qualcuno dagli uffici superiori prenda in carico i problemi più volte denunciati dellìIstituto pesarese.

Vuoi ricevere le notizie più importanti di Vivere Pesaro in tempo reale su WhatsApp o Telegram?
Per WhatsApp aggiungi il numero 371.4439462 alla tua rubrica ed inviaci un messaggio (es.: ok notizie).
Per Telegram vai su https://t.me/viverepesaro e clicca su "unisciti"






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-05-2021 alle 14:30 sul giornale del 26 maggio 2021 - 4515 letture

In questo articolo si parla di cronaca, sindacati, pesaro, carcere, detenuto, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b4sW





logoEV
logoEV
qrcode