Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: 24 maggio, presidio in piazza del Popolo

Bandiere sindacati Cgil Cisl Uil 2' di lettura 22/05/2021 - Lunedì 24 maggio dalle 10.00 alle 12.30 in piazza del Popolo a Pesaro, CGIL CISL e UIL provinciali hanno organizzato un presidio a cui parteciperanno i Responsabili dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) dei principali luoghi di lavoro della provincia.

La manifestazione rientra nell’ambito della mobilitazione di carattere nazionale indetta dalle organizzazioni sindacali confederali, finalizzata a sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica in merito alle morti sul lavoro, ai tanti infortuni e alle tematiche legate alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Infatti anche nella nostra provincia i dati a nostra disposizione evidenziano quanto gli infortuni sul lavoro siano aumentati, sia su base regionale che provinciale.

Facendo una analisi territoriale delle denunce rilevate nei primi tre mesi dell’anno 2021 rispetto al primo trimestre del 2020, si osserva che la regione Marche mostra un significativo aumento di 50 casi di infortunio, dato questo in controtendenza rispetto alle regioni del centro Italia, che vedono invece una diminuzione degli infortuni dello 0,38% ,

Preoccupante anche il dato delle denunnce di infortunio con esito mortale, che per il medesimo periodo evidenzia un aumento dei casi in quasi tutte le regioni del territorio nazionale.

Anche sul fronte delle denunce di malattie professionali, la regione Marche è tra quelle regioni che si attestano su un incremento di queste fattispecie: l’incremento per la nostra regione è di 114 casi casi in più.

Questi dati risultano ancor più gravi e preoccupanti considerata la consistente contrazione delle ore lavorate nella fase pandemica.

Pertanto CGIL CISL e UIL chiedono alle istituzioni e al mondo delle imprese, di promuovere e sottoscrivere un vero e proprio “Patto per la Salute e la Sicurezza”, che preveda una riorganizzazione dei servizi di prevenzione ai quali destinare più risorse economiche; intensificare la quantità e la qualità delle ispezioni e dei controlli; istituire percorsi di formazione obbligatori su salute e sicurezza senza i quali deve diventare impossibile per le aziende l’impiego di maestranze non formate; riqualificare il lavoro in sicurezza anche dentro la contrattazione collettiva, rivedendo l’articolazione oraria, le turnazioni e l’organizzazione del lavoro.

Durante il presidio una delegazione di RLS e di rappresentanti sindacali chiederà di essere ricevuta in Prefettura per consegnare un documento che richiama i temi esposti.




Cgil Cisl Uil


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2021 alle 12:00 sul giornale del 23 maggio 2021 - 266 letture

In questo articolo si parla di attualità, cgil, cisl, uil, cgil cisl uil, Bandiere sindacati, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b38f





logoEV
logoEV