Flaminia è tornata in mare, stamattina l’emozionante rilascio della tartaruga trovata a gennaio al Lido Pavarotti

Flaminia è tornata in mare, stamattina l’emozionante rilascio della tartaruga trovata a gennaio al Lido Pavarotti 1' di lettura 20/05/2021 - Con l’applauso delle decine di studenti, la città ha augurato buona “nuova” vita a Flaminia, l’esemplare di caretta caretta trovata a gennaio in stato ipotermico nella spiaggia della Baia e tornata in mare questa mattina. 

«Sempre una grande emozione il rilascio di una tartaruga al Lido Pavarotti. Luogo che, a luglio 2019, era stato teatro della storica schiusa delle uova di Luciana. Oggi è Flaminia a riprendere il mare aperto dopo le cure prestate dalla Fondazione Cetacea» ha sottolineato Daniele Vimini, vicesindaco e assessore alla Bellezza.

L’esemplare di Caretta caretta rilasciato oggi «è una femmina adulta, con lunghezza di carapace di oltre 80 cm, peso di 56,5 kg ed età stimata di 20-25 anni» ha precisato Valeria Angelini, biologa della Fondazione Cetacea Riccione e Ospedale delle Tartarughe. Flaminia, è stata trovata a gennaio 2021 spiaggiata al lido Pavarotti: «Lo stato ipotermico in cui versava è stato diagnosticato in tempo, per cui le cure sono state semplici: dopo due settimane era già in buona salute. È rimasta in stabulazione, aspettando che la temperatura del mare fosse adeguata al rilascio. Siamo nel periodo riproduttivo, speriamo vada verso le “sue” spiagge per deporre».

Quello di stamattina è stato un momento di commozione che si allaccia a percorso di salvaguardia dell’habitat marino, avviato dal 2019, e che prevede un intervento concreto dell’Amministrazione: «In collaborazione con la Capitaneria di Porto, siamo in procinto di realizzare, in questo specchio d’acqua, un’oasi di riadattamento all’acqua per il rilascio di questi animali straordinari» ha concluso Vimini.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-05-2021 alle 15:00 sul giornale del 21 maggio 2021 - 1148 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Comune di Pesaro, comunicato stampa





logoEV
logoEV