Più punti vaccini: meno disagi per chi non vive sulla costa e meno assembramenti

2' di lettura 03/04/2021 - "Insieme a Micaela Vitri, a febbraio, avevamo chiesto alla Regione di valutare l’apertura di più punti vaccinazione rispetto ai 3 previsti, perché questo assetto crea difficoltà a chi non vive sulla costa. Pensando a questi cittadini, e in considerazione del fatto che, con l’apertura della vaccinazione alla fascia 70-79, le persone da vaccinare aumenteranno notevolmente, qualche giorno fa abbiamo presentato un’ulteriore interrogazione, chiedendo, nuovamente, di aprire altri centri di vaccinazione per coprire meglio il territorio provinciale", così il consigliere regionale Andrea Biancani.

"Questa proposta è in linea con il nuovo Piano Vaccinale Anticovid emanato dal Commissario Straordinario del Governo per l'emergenza, che individua 3 linee operative per la condotta di una campagna vaccinale rapida ed efficace: 1) approvvigionamento e distribuzione; 2) monitoraggio dei fabbisogni; 3) capillarizzazione della somministrazione. Rendere capillare la somministrazione, secondo il commissario vuol dire aumentare le figure che possono somministrare il vaccino e aumentare i luoghi dove farlo.

Da tempo lavoriamo in Consiglio affinché la Regione si muova proprio in queste due direzioni e spero che, ora che anche il Commissario Straordinario ha dato le stesse direttive, finalmente il governo delle Marche si attivi per rispondere ai cittadini, mettendo tutti nelle stesse condizioni di accedere ai servizi.

Per aumentare il numero di luoghi e figure in grado di vaccinare, da mesi, propongo di stipulare un accordo con le Farmacie, visto che queste sono già distribuite su tutti il territorio. Inoltre, di recente, ho chiesto che sia permesso agli infermieri e agli assistenti sanitari, che lavorano nel pubblico, di poter esercitare anche in privato, fuori dall’orario di lavoro, così che possano contribuire con la loro professionalità ad aumentare il numero di vaccinatori.

Per quanto riguarda l’apertura di nuovi centri, sono consapevole che c’è un tema di personale; non si può pensare di avere un centro in ogni comune, ma nemmeno pensare che si possa concentrare un’intera provincia in soli 3 punti. Occorre individuare altri comuni, dove ci siano strutture pubbliche o private, idonee ad ospitare centri accoglienti ed efficienti in modo da ridurre le distanze da percorrere per accedere al vaccino soprattutto nell’entroterra", conclude Biancani.

Per sopperire alla mancanza di personale, oltre alle soluzioni gia descritte sopra, una ulteriore proposta potrebbe essere quella di mettere questi luoghi e/o le farmacie, a disposizione dei medici di base, creando così dei centri di vaccinazione ben distribuiti nel territorio.


da Andrea Biancani
Consigliere Regionale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-04-2021 alle 10:14 sul giornale del 04 aprile 2021 - 1020 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, pesaro, vaccini, vaccinazioni, andrea biancani, consigliere regionale, comunicato stampa, covid

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bVWa