Sede della Provincia, un pregevole edificio da salvare

palazzo provincia pesaro 1' di lettura 27/11/2020 - L’ipotesi ventilata nell’articolo apparso sul Resto del Carlino del 20 Nov. 2020 relativo al possibile abbattimento dell’edificio (risalente agli anni ‘60) di via Gramsci, attuale sede della provincia di Pesaro, ha sorpreso ed allarmato l’Ordine degli Architetti PPC di Pesaro e Urbino.

L’edificio è stato progettato dall’architetto Filiberto Sbardella (professionista ed artista di chiara fama nell’ambiente romano) e dall’ingegnere pesarese Leopardo Cioppi, riveste un ruolo importante tra le architettura degli anni sessanta nella città di Pesaro.

Di certo risultano peculiari le sue caratteristiche tipologiche e formali facendolo risaltare nel panorama degli edifici pubblici urbani. Un confronto che salta agli occhi è quello con il palazzo coevo della RAI di viale Mazzini a Roma, opera dell’architetto Francesco Berarducci. Si può notare la stessa cura per il basamento (staccato con elementi di appoggio in acciaio dalla struttura superiore), la soluzione di facciata in vetro continuo e il ricorso alle finestre a nastro .

Notevole lo studio planimetrico con la caratteristica forma ad ics. Interessante anche l’uso dei materiali come nel caso dei mattoni a vista che rivestono la base cilindrica che sembra rimandare ai torrioni della vicina Rocca Costanza. All’interno la sistemazione della sala del consiglio Provinciale, su progetto dell’architetto pesarese Celio Francioni, contribuisce a rendere pregevole l’edificio nella sua interezza.

La nostra opinione è che un’architettura di qualità merita ogni tentativo di conservazione anche attraverso un innovativo e magistrale intervento di messa in sicurezza per salvare uno dei migliori esempi della storia architettonica della nostra città


da Ordine degli architetti PPC
     Pesaro-Urbino





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2020 alle 08:36 sul giornale del 28 novembre 2020 - 1170 letture

In questo articolo si parla di lavori pubblici, attualità, redazione, pesaro, comunicato stampa, Ordine degli Archietti pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDE2





logoEV