Pesaro omaggia e non dimentica le vittime del Covid-19

Mattioli Anna Maria 2' di lettura 06/08/2020 - Pesaro e il Rof omaggiano le vittime del Covid-19 e ringraziano tutti coloro che si sono spesi a vario titolo per superare la pandemia che ha segnato molto profondamente anche la nostra città.

Ho vissuto anch'io in prima persona questo male subdolo, ed ho superato questa dura prova che la vita mi ha messo di fronte, toccando profondamente anche chi mi è stato vicino. Alla memoria delle vittime il Comune di Pesaro e il Rossini Opera Festival dedicano l’evento di anteprima della 41esima edizione del ROF.

Questa sera alle ore 20.30 la Piazza del Popolo, ospiterà la "Petite messe solennelle" ultimo capolavoro sacro di Gioachino Rossini, quale commossa celebrazione di un lutto che è stato al tempo stesso personale e collettivo. La Messa sarà proposta nella sua versione originale per due pianoforti ed harmonium. Alessandro Bonato dirigerà il Coro del Teatro della Fortuna M. Agostini (Maestro del coro Mirca Rosciani), e un cast composto da Mariangela Sicilia (soprano), Cecilia Molinari (mezzosoprano), Manuel Amati (tenore) e Mirco Palazzi (basso). Al pianoforte Giulio Zappa e Ludovico Bramanti, all’harmonium Luca Scandali.

Composta nel 1863, la “Petite messe solennelle” è stata scritta 5 anni prima che Rossini morisse ed è per questo che può considerarsi il suo testamento spirituale. Rossini capì di essere legato ad un genere operistico classico e tuttavia aveva slanci visionari. Ecco perché la “Petite messe” si staglia come un enigmatico brano fondamentale per un passaggio in avanti che non ha voluto fare. Egli stesso, con ironia annotò sulla partitura originale della “Petite messe”, riferendosi alla presenza di 12 cantori:

“Dio mi perdoni l’accostamento che segue. Dodici sono anche gli Apostoli nel celebre affresco di Leonardo detto La Cena, chi lo crederebbe! Fra i tuoi discepoli ce ne sono alcuni che prendono delle note false! Signore, rassicurati, prometto che non ci saranno Giuda alla mia Cena e che i miei canteranno giusto e con amore le tue lodi”. e scrisse ancora su questa musica.... “Sarà della musica sacra quella che ho appena creato o della musica dannata? Sono nato per l’Opera Buffa, lo sai bene! Poco sapere e un po’ di cuore, ecco tutto. Sii dunque benigno, e accordami il Paradiso”.

Sono anch'io componente del mondo musicale pesarese e ringrazio il Comune di Pesaro ed il Rossini Opera Festival per questa pubblica dimostrazione di affetto, ricordo e riconoscenza.


   

da Mattioli Anna Maria 
           PD Pesaro





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2020 alle 06:39 sul giornale del 07 agosto 2020 - 2349 letture

In questo articolo si parla di attualità, partito democratico, pesaro, comunicato stampa, Mattioli Anna Maria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/bsCI





logoEV
logoEV
logoEV


.