Morti sul lavoro, Talacchia, UGL: “Strage inaccettabile, necessario rafforzare controlli e formazione lavoratori”

1' di lettura 05/08/2020 - “Ennesima e inaccettabile strage sul lavoro nelle Marche. L’UGL esprime il suo cordoglio alle famiglie dell’operaio di 59 anni rimasto schiacciato da una gru in un cantiere in provincia di Ancona, e a quella dell’operaio di 52 anni trascinato sotto le ruote di una ruspa nel Pesarese".

"Siamo sgomenti di fronte alla recrudescenza di un fenomeno intollerabile in un Paese civile e ci auguriamo che l’autorità giudiziaria faccia presto piena luce sulle cause di tali tragedie. Occorre peraltro potenziare i controlli, innalzare gli standard di sicurezza e rafforzare la formazione dei lavoratori con particolare riguardo a quelle mansioni in cui il rischio di infortunio risulta più elevato. L’UGL è in tour in tutta Italia con la manifestazione ‘Lavorare per vivere’ al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sul triste fenomeno delle morti bianche”.

Lo ha dichiarato Renzo Talacchia, Segretario Regionale UGL Marche, in merito alla morte dei due operai di 59 e 52 anni che hanno perso la vita mentre si trovavano sul posto di lavoro rispettivamente in provincia di Ancona e nel Pesarese.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-08-2020 alle 08:17 sul giornale del 06 agosto 2020 - 378 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Ugl Marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bsBy