Giunta a Pozzo Alto, Ricci: "Dalle opere allo smart working comunale nelle sede del quartiere, al lavoro insieme"

Ricci a Pozzo 2' di lettura 24/06/2020 - Giunta comunale riunita al circolo Acli di Pozzo Alto. Poi l’incontro con i consiglieri di quartiere. «Confronto positivo. Al centro il punto sulle prossime priorità», commenta Matteo Ricci.

«Segnale di ascolto importante del Comune. Un’apertura al dialogo che abbiamo accolto con soddisfazione», evidenzia il presidente dell’ottavo quartiere Pozzo Alto, Borgo Santa Maria e Case Bruciate Michele Alessandrini. Il sindaco conferma l’operazione ‘smart working’ dalla sede del quartiere: «Abbiamo già aperto una chiamata per i dipendenti comunali disponibili alla sperimentazione. Garantiranno una presenza importante, specialmente nei quartieri più periferici». A Borgo Santa Maria l’ufficio del decentramento andrà nel complesso che accoglie anche la nuova sede della polizia locale e ospiterà la nuova biblioteca. Mentre il Comune pensa al trasferimento dell’Auser nella vecchia sede di via Lancisi: nei locali risistemati dello stabile anche l’ambulatorio medico.

Ancora: «Renderemo definitiva la rotatoria di Borgo Santa Maria». Sarà fatto nel 2020 con i ribassi, oppure come priorità del 2021. Avanti con il campo da calcio a otto già finanziato: «A settembre contiamo di andare in gara», specifica l’assessore Enzo Belloni. Nell'elenco anche la ristrutturazione della sala polivalente ‘ex cinema’. Mentre per la ciclabile potrebbero ridursi i tempi: «Partecipiamo a una bando del Coni. Accenderemo 5-6 mutui a tasso zero sulle ciclabili. Dovremmo chiudere così tutte le partite di cofinanziamento sulle piste». Tra cui anche quella di Borgo Santa Maria, che si realizzerebbe nel 2021. A

Pozzo Alto, tra le priorità, i locali dell'ambulatorio medico («intervento entro l’autunno», rimarca l’assessore) e la sistemazione delle strade e del verde della lottizzazione «Vigne Rosse». «Stiamo riscuotendo la fidejussione. A settembre partiremo con i lavori. Si tratta di un intervento fortemente atteso, per un importo di circa 700mila euro», precisa Belloni. A Case Bruciate entro l’estate la sistemazione della pista polivalente: «Abbiamo fatto la gara d’appalto in questi giorni». Si valuta una strettoia sperimentale all’ingresso del paese per la limitazione della velocità. Mentre il Comune chiede al quartiere la segnalazione delle strade prioritarie per l’inserimento nel piano degli asfalti 2020, da realizzare entro novembre.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-06-2020 alle 06:39 sul giornale del 25 giugno 2020 - 399 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/boKR





logoEV
logoEV