5G a Pesaro, installazione solo dopo studio su impatto sanitario: partita la petizione online

4' di lettura 09/06/2020 - "Premesso che siamo a favore di ogni miglioramento, quindi anche tecnologico, che agevoli gli individui sia nella vita personale che in quella lavorativa, crediamo tuttavia che qualunque cambiamento non possa prescindere dal bene supremo della salute, nella convinzione che ogni nuova tecnologia debba essere al servizio dell’essere umano, e non viceversa", così il Comitato Salute e Diritti di Pesaro.

"L’avanzamento a quanto pare imminente della tecnologia 5G ci vede fortemente preoccupati perché, nella totale assenza di studi scientifici che escludano completamente eventuali danni al sistema biologico del corpo umano sia per gli adulti che per i bambini, ma anche per la flora e la fauna, vedremo aggiungersi alle radiazioni elettromagnetiche già esistenti delle migliaia di antenne per la telefonia mobile per il 2G, 3G e 4G, quelle di campi elettromagnetici ubiquitari di questa nuova tecnologia a microonde da antenne (small-cells) installate circa ogni 100 metri sui lampioni della luce, nei tombini dei marciapiedi, sui balconi dei palazzi e persino dentro le case, oltre che con il WI-FI dallo spazio da satelliti artificiali in orbita e droni nel cielo; sarà un sistema talmente avvolgente da comportare un’esposizione massiccia della popolazione all’inquinamento elettromagnetico, al punto di impedire qualunque possibilità di elusione anche agli individui elettrosensibili (che secondo l’OMS rappresentano il 3% della popolazione mondiale) che sono già sofferenti per le esposizioni alle attuali radiofrequenze".

"Ci assicurano che il calore generato dai campi elettromagnetici del 5G non andrà oltre la pelle, ma un’alterazione termica della pelle, con le nervature che la percorrono, non è già di per sé un’offesa al nostro sistema biologico? La pelle è la prima barriera del nostro sistema immunitario, disturbarne artificialmente il meccanismo di difesa significa contrastarne l’efficacia; è già accertato che la prima reazione all’aumento di calore sui tessuti del corpo umano, sarà una omeostatica ricerca di equilibrio con un aumento della circolazione sanguigna, la sudorazione o la respirazione accelerata, influendo quindi attivamente sulla salute e sulla qualità della vita. La frequenza di 26 Ghz che è stata assegnata al 5G, (insieme alle frequenze 700Mhz e 3,6 Ghz) è molto più alta di quelle attualmente in uso e sono ignoti gli effetti a lungo termine sull’uomo e sull’ambiente. È notizia recente che sia la Svizzera che la Slovenia hanno bloccato questa tecnologia, idem la regione di Bruxelles che avrebbe dovuto fare da apripista, ma alla fine è prevalso il principio di cautela, mentre ovunque nel mondo si alza la richiesta di fermare il 5G, perlomeno fino agli studi che ne escludano il danno sulla vita dei cittadini, anziché sottoporli direttamente ad una vera e propria sperimentazione, come sta già accadendo in varie città italiane come Roma, Milano, Torino, Bari, Genova, ecc. senza peraltro conoscere se è stato creato uno studio di rilevazione dei dati sanitari ma anche ambientali sulla flora e sulla fauna locale, al fine di poter confrontare i dati di prima e dopo le emissioni del 5G".

"In Italia 471 Comuni sono ufficialmente STOP5G; 311 Sindaci, di cui 45 delle Marche, hanno emanato ordinanze STOP5G; 2 Regioni, la nostra Marche e la Toscana, hanno approvato mozioni per la precauzione. Con l’imposizione del 5G verranno violati diversi principi normativi nazionali, fra cui la L. 36/01 finalizzata proprio alla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, e comunitari a partire dal principio di precauzione sancito dall’art. 191 del Trattato sull’Unione Europea (già Art. 174 del TCE) di diretta applicazione e frequentemente richiamato nel diritto nazionale, per cui “la protezione della salute ha la precedenza sulle considerazioni economiche”. Inoltre, qualsiasi sperimentazione sull’Uomo senza consenso, rappresenta una violazione del Codice di Norimberga.

Consapevoli che il Comune è l’ente competente in ambito territoriale al rilascio dell’autorizzazione per l’installazione e la modifica degli impianti per telecomunicazioni e radiodiffusione, ci rivolgiamo al Sindaco quale responsabile della salute dei cittadini affinchè, applicando il principio di precauzione, provveda a chiedere all’Asur uno studio ad ampio spettro su un eventuale impatto sanitario collegato all’installazione del 5g, con sospensione dell’installazione fino alla conclusione di tale studio e di fronte ad eventuali risultati che ne confermassero la pericolosità", conclude la petizione del Comitato.

PETIZIONE SUL 5G






Questo è un articolo pubblicato il 09-06-2020 alle 09:55 sul giornale del 10 giugno 2020 - 1706 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, articolo, Comitato Salute e Diritti, 5g

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bny1





logoEV
logoEV
logoEV