L'emergenza coronavirus mette in ginocchio i giostrai: "Noi fermi dal 25 febbraio"

giostrai pesaro 1' di lettura 04/05/2020 - L'emergenza coronavirus sta mettendo in ginocchio le imprese. Sono tempi difficili per tuttI, anche per gli imprenditori del settore degli spettacoli viaggianti.

Da sempre sinonimo di divertimento e spensieratezza, il Luna Park ha accompagnato generazioni intere di ragazzi, cresciuti tra luci e suoni, svago e allegria. A causa del coronavirus ora quelle luci si sono spente lasciando le giostre nell'ombra e con esse i giostrai.

Una situazione difficile, come ci racconta Paolo Degli Innocenti: "Noi, Degli Innocenti, famiglia di giostrai, siamo alla disperazione come tutti giostrai in Italia. Siamo fermi dal 25 di febbraio a causa del Covid-19 senza l'opportunità di andare avanti. Noi che con le nostre attrazioni portiamo divertimento e felicità per le famiglie, chiediamo di ripartire al piu presto con il nostro lavoro con le dovute precauzioni sanitarie adatte. Spero che queste poche righe arrivino nel cuore di tutti".

A rischiare di essere tra le prime vittime ad estinguersi a causa del Coronavirus sono proprio gli ambulanti ed i giostrai.






Questo è un articolo pubblicato il 04-05-2020 alle 12:43 sul giornale del 05 maggio 2020 - 4040 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, pesaro, vivere pesaro, riccione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bkQX





logoEV
logoEV
logoEV