Al Toti Patrignani vince il Catania di misura. La Mobility Pro Pesaro si consola con un punto in classifica

Mobility Pro Pesaro Rugby 3' di lettura 16/02/2020 - Non riesce alla Mobility Pro Pesaro lo sgambetto all’Amatori Catania che torna in Sicilia con una vittoria di misura per 20-15. Fra le due squadre soli cinque punti di differenza, quelli di una meta a lungo inseguita da Pesaro nel finale del match ma mai raggiunta.

Una partita di grande equilibrio dove però la differenza l’ha fatta la maggiore attenzione e il maggior cinismo dei catanesi pronti a punire ogni distrazione pesarese, con i giallorossi invece scesi in campo con un atteggiamento troppo morbido, specie nel primo tempo. Se si doveva fare attenzione ai calci di punizione, ecco che Pesaro ne regala subito uno a Madero che non si lascia pregare si infilarlo in mezzo ai pali. Pesaro è ben disposta in difesa, ma pecca un po’ sugli uno contro uno e dopo aver gettato al vento in attacco una buona occasione di meta con De Angelis, viene punita alla bandierina con il Catania che segna con l’estremo Borina. Pesaro fa vedere di esserci e prima della fine del primo tempo vince una mischia a introduzione catanese sui loro cinque metri e li porta direttamente in area di meta per schiacciare con Antonelli. Natalia non trasforma ma è più preciso al rientro in campo quando centra il piazzato del meno due.

Pesaro però è maestra nel complicarsi la vita e quando Madero centra il palo non è così veloce da recuperare l’ovale a differenza dei catanesi che si riorganizzano e vanno a segnare con Bognanni. Tutto da rifare ma passano due minuti ed è Erbolini a trovare uno splendido intercetto e ad involarsi fra i pali con Natalia che trasforma. Pesaro dà l’impressione di poter impattare nel risultato, ma è Catania a fuggire ancora con il piazzato di Madero del 15-20. C’è ancora tanto tempo per provare a superare il Catania, ma la Mobility Pro non riesce nell’intento. Con la maul costringe i catanesi a ripetuti falli, ma invece di insistere andando in touche sceglie di andare in mischia per poi aprire il gioco e vedersi portare sull’out per il fischio finale del match.

Resta un punto di consolazione per la classifica (sconfitta inferiore a sette punti) e la sensazione di potersela giocare alla pari con tutte. E nelle prossime due partite servirà la massima concentrazione visto che sarà in casa delle prime due in classifica.

Mobility Pro Pesaro – Amatori Catania 15-20 (1-4)

Marcatori: 1’ cp Madero (0-3), 33’ m Borina tr Madero (0-10), 38’ m Antonelli (5-10), 2T 2’ cp Natalia (8-10), 10’ m Bognanni tr Madero (8-17), 12’ m Erbolini tr Natalia (15-17), 16’ cp Madero (15-10)

Mobility Pro Pesaro: De Angelis, Salvi, Piccioli (17’ st Babbi), Erbolini, Nardini (37’ st Ceccolini), Natalia, Boccarossa (24’ st Cardellini), Antonelli, Venturini (17’ st Campagnolo), Bettucci, Ruffini (10’ st Villarosa), Beccaris, Fiorentini (34’ st Solari), Maccan, Leva (34’ st Galdelli) All. Mazzucato A disp. Pozzi

Amatori Catania: Borina, Bognanni (39’ st Giustolisi), Sapuppo G, Camino, Lucignano (21’ Gorgone), Madero, Giammario (21’ Smiraldo), Sapuppo S, Cosentino, Di Sano, Giarlotta (34’ st Guglielmino), Mammana, D’Aleo, Delfino, Mistretta All. Garozzo A disp. Lipera, Ardito,

Arbitro: Chirnoaga (Roma)

Note: Gialli, Piccioli Spett. 400






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-02-2020 alle 00:11 sul giornale del 17 febbraio 2020 - 419 letture

In questo articolo si parla di sport, rugby, pesaro, Pesaro Rugby, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgll





logoEV