Modernizzazione del porto, piano triennale da quasi 4 milioni di euro

lavori al porto 3' di lettura 15/11/2019 - Fondi per dragaggi, opere preliminari per la realizzazione della vasca di colmata, lavori sulle banchine. In tutto tre milioni e 800mila euro nel piano triennale dei lavori per la modernizzazione del porto, stanziati dall’Autorità di Sistema. Dice Matteo Ricci al tavolo del Club Nautico:

«Gli interventi approvati danno concretezza al lavoro impostato. Negli ultimi tempi abbiamo assistito a un grande cambiamento sul lato degli investimenti pubblici e privati, a partire dal Cantiere Rossini. Oggi diamo risposte alle priorità messe in fila per il futuro. Non annunci ma novità rilevanti, grazie all’impegno dell’Autorità di Sistema che ha stanziato i fondi», commenta il sindaco. Con ordine: «Per il 2020 ci sono 500mila euro a bilancio per il progetto della vasca di colmata. Fondamentale per dare una prospettiva credibile alle esigenze di dragaggio». Tant’è che, aggiunge Ricci, «è già previsto un milione e 800mila euro per il 2021 alla voce escavo. Fondi non sufficienti, ma molto importanti per partire con i dragaggi. Le risorse in bilancio ci consentiranno di continuare a muoverci con il ministero per intercettare ulteriori finanziamenti». Non solo: «All’elenco si aggiunge un milione e mezzo, nel 2020, per la manutenzione straordinaria della darsena commerciale. Così daremo costanza anche ai lavori relativi alla banchina».

Precisa Ricci: «L’Autorità di Sistema ha accolto la nostra richiesta di destinare metà della darsena commerciale alle imbarcazioni da diporto. Ed è in attesa del via libera definitivo del ministero. Notizia significativa, perché finora eravamo andati avanti con permessi annuali. Adesso usciamo dalla provvisorietà: appena ci comunicheranno le date, il consorzio e i progettisti saranno in grado di ragionare sulla soluzione migliore e più sostenibile economicamente». Infine: «Nella lista anche la realizzazione di un ufficio distaccato dell’Autorità portuale, nell’edificio di proprietà del demanio di fianco al Cozza Amara. Renderà l’organizzazione più funzionale». Sindaco che evidenzia «la grande collaborazione con Autorità di Sistema e Capitaneria». E si dice «arrabbiato» per la vicenda dell’ex Consorzio Agrario: «I proprietari mi avevano promesso che lo avrebbero demolito, dopo la chiusura della trattativa con il Comune. Invece non l’hanno fatto. Ora faremo un’ordinanza, sperando che si riesca a venderlo a qualche imprenditore in grado di sviluppare un progetto attinente all’identità del porto».

Spiega il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico Centrale, Rodolfo Giampieri: «Sul porto di Pesaro con una sinergia istituzionale si è riusciti a sviluppare un investimento privato di 15 milioni di euro che sta portando segnali chiari: la cantieristica di qualità torna ad essere protagonista. In più abbiamo sostenuto un imprenditore privato che ha messo in moto il meccanismo del traffico passeggeri. Nella nostra strategia di sistema, Pesaro deve coprire la parte nord della Croazia». Aggiunge il presidente: «Stiamo lavorando in questi giorni, con decisione, alla variante localizzata che ci consente di cambiare le destinazioni degli spazi portuali. Per destinare così metà della darsena commerciale al diporto turistico. E dare una risposta alle esigenze della comunità. Sulla manutenzione straordinaria della banchina G, interdetta per criticità strutturali, abbiamo messo un milione e mezzo nel 2020. C’è già il progetto e andremo in gara».

Osserva il comandante della Capitaneria Maurizio Tipaldi: «Da parte nostra massimo supporto per sostenere le attività che porteranno all’implementazione delle infrastrutture. Su tutte il dragaggio. La sinergia continua». Rimarca il consigliere regionale Andrea Biancani: «Nelle Marche abbiamo approvato la legge contro le plastiche in mare sulle spiagge. Stiamo firmando il protocollo congiunto tra Regione, Capitaneria, Autorità e Comune. L’amministrazione comunale ha partecipato, tra l’altro, a un bando regionale per realizzare un’isola ecologica nel porto. Dove i pescatori potranno conferire le plastiche intercettate senza che lo smaltimento sia a loro carico». Presente il presidente del Club Nautico Francesco Galeppi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2019 alle 15:47 sul giornale del 16 novembre 2019 - 3499 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Comune di Pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcRd





logoEV