Ricci: "Fuori da ogni impianto sportivo chi incita all’odio e al razzismo"

Ricci Segre 1' di lettura 11/11/2019 - «Rete delle Città per la Memoria», contro l’odio e il razzismo: si amplia il fronte delle adesioni alla manifestazione per Liliana Segre, in programma martedì 10 dicembre a Milano. All’iniziativa, lanciata dal sindaco di Pesaro e presidente di Ali-Autonomie locali italiane Matteo Ricci e dal sindaco di Milano Giuseppe Sala, prenderanno parte anche Anci e Upi.

«Molte bene che tutti i sindaci, di ogni parte politica, aderiscano», commenta Ricci. Poi il sindaco di Pesaro riprende sui social due casi di lotta al razzismo nello sport, accaduti nelle ultime ore: in provincia di Modena gli allievi del San Paolo decidono di giocare a porte chiuse, «squalificando» per una partita i genitori dopo le offese razziste rivolte a un arbitro. Mentre a Bologna i calciatori della Murri scendono in campo con un segno nero sul volto per dire «no al razzismo»: la reazione dopo gli insulti razzisti rivolti a un bambino di otto anni, tesserato della società, da un avversario della stessa età.

Così Ricci evidenzia che «c’è un’Italia sana, che contrasta l’odio e il razzismo anche nello sport. Chi incita all’odio e al razzismo deve stare fuori da ogni impianto sportivo. Anche per questo saremo a Milano il 10 dicembre per Liliana Segre».






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-11-2019 alle 10:00 sul giornale del 12 novembre 2019 - 1131 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Comune di Pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bcEB





logoEV