Montecopiolo e Sassofeltrio: perché chiedono la secessione?

montecopiolo 2' di lettura 29/04/2019 - Per quanto tardiva, è positiva la presa di coscienza della politica e delle Istituzioni marchigiane sulla richiesta di migrazione in Romagna delle popolazioni di Montecopiolo e Sassofeltrio.

Riaffermare l’importanza dell’identità territoriale, ma anche il principio che comuni periferici restano tali anche nei territori a cui tendono, ci sembra importante per rimettere al centro delle riflessioni il perché intere comunità delle aree interne, sentendosi trascurate da anni, aspirano a nuova identità. La Politica e le Amministrazioni locali, a cominciare dalla Regione, devono riconoscere di aver colpevolmente per anni favorito un modello di sviluppo sbilanciato sul piano territoriale, non sostenendo adeguatamente le aree interne. Ciò ha creato delle tensioni in tante comunità che, a causa delle limitazioni strutturali e sociali, vedono come unica alternativa allettante “migrare” in altre regioni vicine.

Se non si pone rimedio a errori ancora oggi molto evidenti (mancato Completamento della Fano/Grosseto, indebolimento della sanità pubblica, mancata dotazione di infrastrutture materiali e immateriali, ecc.), le ragioni alla base delle scelte dei precedenti sette comuni, come oggi per Montecopiolo e Sassofeltrio, restano queste e, probabilmente, lo saranno anche per altri comuni in futuro.

A modo di vedere della Cisl di Urbino, il tentativo di convenzione tra Regione Marche ed Emilia Romagna, volto ad agevolare i cittadini nel servirsi della sanità di oltre regione, andrebbe conosciuto nel dettaglio per capire come affronta i nodi critici. Con esso certo si riconosce, in modo implicito, il limite di avere, con la riconversione degli ospedali di Sassocorvaro e Cagli, riarticolata la rete ospedaliera delle aree interne senza aver sviluppato la rete delle cure primarie e senza aver operato un corposo investimento qualitativo e quantitativo nei servizi territoriali, nella rete dell’emergenza-urgenza e in quella della non autosufficienza.

Sassofeltrio e Montecopiolo, così come l’intero Montefeltro e le altre aree interne della regione, si recuperano e si mantengono nelle Marche solo ed unicamente coinvolgendoli in un progetto che consenta loro di cogliere reali e concrete opportunità di sviluppo sociale ed economico che permettano di colmare le differenze con altri territori ed emanciparli dal rischio di marginalità.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-04-2019 alle 01:09 sul giornale del 30 aprile 2019 - 1771 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbino, cisl, montecopiolo, sindacato, ast cisl urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/a6WC





logoEV
logoEV


.