Mobilità a emissioni zero: crescono gli spostamenti con mezzi non inquinanti, ma ancora troppi veicoli

Pista ciclabile Pesaro 3' di lettura 10/04/2019 - Sempre più persone decidono di spostarsi in città con mezzi non inquinanti: in bicicletta o e-bike, con i mezzi pubblici a trazione elettrica, compresi i treni urbani o anche a piedi.

È quanto emerge da “Le città elettriche”, il primo rapporto sulle mobilità a emissioni zero in Italia, realizzato da Legambiente in collaborazione con MotusE (associazione per la mobilità elettrica) e presentato questa mattina a ExpoMove, la fiera sulla mobilità elettrica e sostenibile in corso alla Fortezza da Basso di Firenze, nell’ambito del convegno Mobilità elettrica nei comuni italiani, realizzato insieme a Anci e Rai Pubblica Utilità.

Il rapporto analizza i dati dei 104 capoluoghi italiani attraverso diversi indicatori: dalla disponibilità di mezzi elettrici, all’inquinamento, al tasso di motorizzazione, alla presenza di piste ciclabili, al modal share, realizzando una prima mappatura sull’offerta di mobilità a zero emissioni su tutto il territorio nazionale. Nello specifico, lo studio di Legambiente riesce a stimare e definire l’accessibilità, da parte dei cittadini a questi servizi, come la quota degli spostamenti con il mezzo pubblico o con servizi di sharing mobility.

Le Marche si collocano al 13° posto nella classifica nazionale, con 104 infrastrutture per le automobili e ricariche veloci (nel 2018 erano 40) e 37 per le due ruote e ricariche lente (nel 2018 erano 8). Nonostante i numeri siano decisamente incoraggianti e si noti un netto miglioramento, la strada da fare è ancora molto lunga.

L’accessibilità ai servizi per la città di Rossini raggiunge il 35% e gli spostamenti a zero emissioni (elettrici, bici, a piedi) rappresentano il 39%. Numeri decisamente incoraggianti. Grazie a ad ambiziose politiche locali e agli strumenti che ne conseguono, Pesaro svetta nella classifica dei capoluoghi per quanto riguarda la mobilità a zero emissioni. L’idea di una Bicipolitana, l’assimilazione di una infrastruttura specialistica in un ambito collettivo e condiviso, dotata di identità e segnaletica proprie del trasporto pubblico locale - con linee, fermate, collegamenti, etc. - ha fatto sì, infatti, che a Pesaro il 29% dei cittadini usino la bicicletta per i loro spostamenti quotidiani e per il tempo libero, otto volte in più della media nazionale. Il 7% dei cittadini, inoltre, utilizza il trasporto pubblico locale e l’11% su muove a piedi (dati comune 2013). Il restante 53% utilizza, invece, la propria auto. Il numero di autoveicoli, comunque, risulta elevato se rapportato al numero di abitanti (63/100 ab) e sono davvero pochi i mezzi di TPL (10 ogni 100 abitanti).

«La sfida del clima è la più urgente, globale e difficile che abbiamo davanti per salvare il Pianeta. – sottolinea Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche – Ma rappresenta anche un’occasione unica per costruire concretamente una mobilità a emissioni zero, attraverso politiche capaci di riuscire a far crescere gli spostamenti in bici, a piedi, il trasporto pubblico e la mobilità elettrica. Per questo è fondamentale che, a livello locale, Amministrazioni, cittadini e associazioni si attivino per ricondurre alla minoranza gli spostamenti con il motore a combustione privato e si mobilitino per lavorare insieme alla costruzione di città migliori e più desiderabili. Chiediamo, dunque, a tutti gli enti locali di promuovere politiche capaci di favorire l’innovazione, la sostenibilità e la rigenerazione urbana. Il cambiamento deve partire da una nuova mobilità pubblica: più piste e percorsi ciclabili, isole pedonali e un aumento dei mezzi di TPL, per ottenere una reale riduzione dell’inquinamento atmosferico”.


   

di Redazione





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2019 alle 12:40 sul giornale del 11 aprile 2019 - 1000 letture

In questo articolo si parla di attualità, mobilità sostenibile, pista ciclabile pesaro, bicipolitana

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/a6lH





logoEV
logoEV
logoEV


.