Coldiretti Pesaro Urbino, emergenza fauna selvatica: servono interventi da Stato e Regione

cinghiale 1' di lettura 16/01/2019 - Sulla fauna selvatica la situazione è da anni fuori controllo ed è tempo di prendere provvedimenti urgenti e concreti per salvaguardare i cittadini e le aziende agricole.

Gli ultimi episodi che riportano le cronache dei giornali, riguardanti l'incidente stradale che ha coinvolto una donna dopo l'attraversamento di un cinghiale a Fano e un attacco di lupi avvenuto a Sant'Angelo in Vado con quattro asini uccisi, vanno solo ad allungare l'elenco dei danni subiti dall'entroterra.

"Occorre dare seguito operativo - commenta Tommaso Di Sante, presidente di Coldiretti Pesaro Urbino - ai provvedimenti di emergenza emanati dalla Regione Marche nei mesi scorsi dopo un lungo confronto, a tratti anche aspro, con Coldiretti".

È stato proprio a seguito della mobilitazione regionale di Coldiretti che si è giunti a un piano straordinario che prevede, tre le altre cose, la possibilità per gli agricoltori, previo corso di formazione, di difendersi con abbattimenti o catture per riportare equilibrio nei nostri territori.

“Ma occorre anche - continua Di Sante - un piano straordinario di abbattimenti per ridurre la sovrappopolazione di cinghiali”. "Altro problema - conclude Di Sante - è quello del lupo. In questo caso parliamo di una specie protetta e qualcosa si sta muovendo sul fronte delle mitigazione dei rapporti tra allevatori e animali come finanziamenti per la realizzazione di recinzioni o l'acquisto di cani. Tuttavia, se vogliamo davvero tutelare il lupo e il lavoro, occorre che Stato e Regioni si facciano carico dei danni causati da questa specie, come dai cani inselvatichiti o dagli ibridi lupo-cane, andando a risarcire tempestivamente e integralmente tutti gli allevatori dei danni subiti".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-01-2019 alle 08:07 sul giornale del 17 gennaio 2019 - 1314 letture

In questo articolo si parla di attualità, agricoltura, coldiretti, cinghiale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3lh