Sfida impossibile per la Vuelle, ma il ds Cioppi non si dà per vinto: "Speriamo in un risultato a sorpresa"

Direttore Sportivo Stefano Cioppi 4' di lettura 20/10/2018 - Due sfide impossibili attendono la VL Pesaro: quella di domani sera, ore 19:00, al PalaTaliercio di Mestre contro l’Umana Venezia e quella della domenica successiva, quando scenderanno a Pesaro i campioni in carica dell’Armani Milano.

Se c’è però una cosa che in casa biancorossa nessuno è disposto a fare, né dello staff tecnico, né dei componenti del roster, è il fasciarsi la testa prima di essersela rotta. Il Direttore Sportivo Stefano Cioppi è molto chiaro in proposito:

"Ci aspettano due partite molto difficili, prima a Venezia contro la Reyer e poi in casa contro Milano, ma assolutamente non ci sentiamo già sconfitti prima di giocarcele: il basket infatti non è una scienza esatta e a volte possono esserci delle sorprese, anche clamorose. In settimana ci siamo allenati molto bene, anche se non sempre gli alti livelli degli allenamenti vengono poi replicati la domenica in partita. Nella scorsa stagione abbiamo giocato un match quasi perfetto contro Venezia e vedremo di ripeterci anche stavolta, pur se ad inizio stagione tutte le squadre vogliono dimostrare il proprio valore col massimo dell’impegno, specie davanti al proprio pubblico, e quindi sarà una sfida comunque durissima per noi. Speriamo però che domenica sera al Taliercio ci possa essere un risultato a sorpresa rispetto ai pronostici, che ci vedono soccombenti contro una delle formazioni più forti del campionato. In settimana la Reyer ha giocato due tempi supplementari in Champions League e potrebbe quindi accusare un po' di stanchezza: dovremo perciò essere bravi a saper sfruttare nel migliore dei modi questa circostanza a nostro favore”.

Così il D.S. biancorosso descrive, sul piano tecnico, la sfida che attende i suoi: "I nostri ragazzi sono molto professionali e molto precisi nel seguire le istruzioni del coach, anche se la maggior parte di loro è all'esordio in un campionato europeo. Servirà quindi tempo per migliorare la nostra organizzazione di gioco. Sarà comunque molto arduo mettere in difficoltà Venezia: gli oro-granata hanno infatti un roster lunghissimo, con tre centri molto potenti sotto canestro, e Vidmar, il pivot titolare, è campione d'Europa con la Slovenia. Nel ruolo di forward, hanno giocatori d’alto livello e di grande esperienza come Watt, Biligha e Mazzola, oltre al nostro ex Austin Daye, che ha realizzato ben 30 punti mercoledì scorso nel match di Champions League. Nel reparto esterni possono contare su Haynes, Cerella, Stone, De Nicolao e Tonut, tutti molto efficaci nel costruire buoni giochi in penetrazione, e dal perimetro hanno tiratori micidiali come Giuri e Bramos. Noi dovremo comunque pensare alle nostre forze e alle nostre qualità, migliorando il nostro gioco e soprattutto la nostra difesa, giocando con molta determinazione per tutti i 40 minuti senza cali di tensione agonistica, se vorremo davvero provare a fare l’impresa sul parquet di Venezia", ha concluso Stefano Cioppi.

Ma anche il coach di Venezia De Raffaele tiene a sottolineare le difficoltà che la sua squadra potrebbe incontrare sul campo, anche contro un’avversaria decisamente di rango inferiore come la VL Pesaro: “Loro sono una formazione quasi del tutto rinnovata rispetto a quella dello scorso anno, che ci ha messo sempre con le spalle al muro, ma possono comunque contare su uno starting-five di buon livello tecnico. In più hanno appena ingaggiato il giovane russo Shashkov, un giocatore molto efficace soprattutto in attacco, con buona mano al tiro da sotto e da fuori. Ma quello che più conta a loro favore è che scenderanno in campo senza niente da perdere, visti i pronostici della vigilia, e quindi senza nessuna eccessiva tensione. Per noi sarà allora importante avere un buon approccio mentale al match, senza sottovalutare in alcun modo questa avversaria, e non dovremo quindi mai calare di intensità, soprattutto in difesa, per tutti i 40 minuti di gioco. Voglio aggiungere che mi aspetto anche una partita molto tattica dalla squadra di Pesaro, che ha sicuramente preparato il match col massimo dell’attenzione, curando tutti gli aspetti del gioco nei minimi particolari. Insomma, dobbiamo ricordarci che non esistono partite già vinte prima di giocarle”.

Poco da aggiungere, se non che sarà fondamentale per la Vuelle difendere a tutto campo col massimo della rabbia agonistica, e soprattutto non lasciare buoni tiri aperti dall’arco ad avversari come Giuri e Bramos, che nell’ultima gara vinta da Venezia sul campo di Pistoia hanno firmato prestazioni sontuose nel tiro pesante: 17 punti il primo, con 5/6 da tre, e 9 punti il secondo, con 3/4 da tre. Il resto dovrà farlo il Gran Dio dei Cestini, perché per vincere a Venezia ci vorrà davvero un miracolo!


   

di Alberto Pisani





Questo è un articolo pubblicato il 20-10-2018 alle 09:48 sul giornale del 21 ottobre 2018 - 1090 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, stefano cioppi, pesaro, vivere pesaro, sport pesaro, vuelle, Alberto Pisani, articolo, consultinvest pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aZAy





logoEV
logoEV


.