La rivoluzione digitale abbraccia economia, arte e intrattenimento

2' di lettura 28/06/2018 - Quando si parla di rivoluzione digitale, immediatamente, il nostro cervello associa l’espressione allo sviluppo delle nuove tecnologie. Queste hanno cambiato, il nostro modo di relazionarci agli altri, di fare economia e di vivere.

Anche se tendenzialmente l’idea è che l’Italia rispetto agli altri Paesi europei sia stata meno soggetta alle trasformazioni frutto di questo cambiamento, dall’altra parte è opportuno costatare quanto invece la rivoluzione digitale stia toccando in maniera capillare anche settori molti diversi tra loro.

A riprova di ciò, possiamo considerare che alcune delle più grandi aziende assicurative hanno deciso di investire una grossa parte del loro budget proprio in innovazione e progresso tecnologico. Se, infatti, General Italia sta puntando tutto sull’intelligenza artificiale, avendo in attivo già 20 robot, Reale Mutua ha investito lo scorso anno ben 10 milioni di euro destinati a facilitare e incrementare il rapporto tra cliente e compagnia, ma anche a migliorare l’attività dell’agente. Quest’ultimo è dotato di tablet, grazie al quale può svolgere il suo lavoro in modo più efficiente e veloce.

Se in ambito economico non si contano gli investimenti e le aspettative che la rivoluzione digitale porta con sé, un altro settore che subisce l’impatto di queste trasformazioni è quello dell’arte. Sentiamo parlare sempre più spesso di Immersive Experience, installazioni interattive e nuove start up legate al mondo dell’arte, perché anche la fruizione di quest’ultima cambia grazie agli strumenti che il digitale mette a disposizione. I nuovi media non sono, infatti, solo strumenti di mediazione del sapere, ma diventano talvolta essi stessi espressioni artistiche.

Se poi parliamo di intrattenimento, il pensiero volge subito al mare magnum offerto da internet: si va dalle app più curiose ai giochi di vario tipo. I siti di giochi online, quali casinò e scommesse, che dominano la rete sono tra l’altro sempre più curati: grande attenzione per la grafica e gli effetti sonori si possono rilevare su portali come Starcasinò.it. Gli investimenti, dunque, non mancano neanche se si parla di passatempi online, vedasi l’incremento delle piattaforme che forniscono il servizio di streaming a pagamento.

Già da questa fugace analisi, possiamo avere un’idea di quanto il digital innovation stia profondamente cambiando il nostro Paese, seppur con differenze forti tra un settore e l’altro. Resta un dato di fatto incontrovertibile, cioè che in Italia nel 2017 gli investimenti in ICT sono aumentato del 19% e le previsioni per il 2018 prevedono un ulteriore rialzo.






Questo è un articolo pubblicato il 28-06-2018 alle 11:35 sul giornale del 29 giugno 2018 - 339 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aV5q





logoEV
logoEV