Furto di rame per 150mila euro dal cantiere dell'A1, nei guai un 50enne di Pesaro

rame 27/06/2018 - Le indagini dei carabinieri della Compagnia di Borgo San Lorenzo, in collaborazione con i colleghi de L’Aquila hanno portato ad identificare quattro uomini autori di un ingente furto di rame e altro materiale ferroso dal cantiere barberinese per la realizzazione della terza corsia sull’A1. Tra gli indagati c'è anche un pesarese.

I fatti risalgono al mese di dicembre 2017, quando in cinque distinti episodi, sono state rubate dieci bobine di filo di rame, per un valore economico complessivo di oltre 150mila euro, oltre ad una consistente quantità di materiale ferroso destinato ad armature di cemento armato.

Grazie all'azione dei carabinieri sono state individuate quattro persone, operai di ditte esterne operanti all’interno del cantiere, ritenute autori materiali del furto. Tre di loro, tra cui un pesarese di 50 anni, avrebbero eseguito il furto, per poi trasportare il materiale all'interno di un capannone vuoto ubicato nella zona industriale di Barberino di Mugello, in attesa del recupero da parte del ricettatore, un 43enne di Rimini.

Una quinta persona, un 49enne domiciliato in provincia de L’Aquila, all’epoca dei fatti capo-cantiere, è stato posto agli arresti domiciliari. Quattro degli indagati sono accusati di furto aggravato in concorso mentre il quinto è indagato per ricettazione.






Questo è un articolo pubblicato il 27-06-2018 alle 09:16 sul giornale del 28 giugno 2018 - 4431 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pesaro, furto di rame, mugello, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aV2T