Giovani all'estero, una pesarese da Berlino: "Si fugge da un'Italia corrotta, razzista, pochista"

Carlotta Ballarini, 28 anni, di Pesaro m 2' di lettura 19/03/2018 - Duro post pubblicato su Facebook da Carlotta Ballarini, 28 anni di Pesaro, che vive da quattro anni in Germania. Un attacco a tutti quei politici e non che si sono permessi di dare dei “bamboccioni” ai ragazzi italiani che lavorano all'estero.

"A tutti quei politici e non che si sono permessi di dare a noi ragazzi italiani dei “bamboccioni” o a quelli che si sono permessi di dire che quei ragazzi che vanno all’estero non sono da considerare italiani, ecco, a voi mostro questa foto.
Io e la mia amica Fanny, italiana anche lei, siamo due infermiere ITALIANE, LAUREATE che sono DOVUTE andarsene via dall’Italia perché il futuro per noi non c’è!

Si fugge da un’Italia corrotta, razzista, pochista. Un’Italia che a noi così come è non piace per niente.

Tutti quei grandi signori che si permettono di dire certe cose sui ragazzi italiani che vanno all’estero a cercare un futuro migliore devono chiudere la bocca, tutti quelli che dicono che andiamo a fare i lavapiatti (lavoro dignitosissimo signori, dovreste provare, voi che non siete capaci neanche di lavarvi le mutande) ebbene sì, la gavetta all’estero si fa signori, io stessa ho passato il mio primo anno tra scuola di lingue per il riconoscimento della mia laurea e pulizie in un ostello, ma l’ho fatto perché all’estero c’è una cosa che si chiama MERITOCRAZIA e adesso sono con la mia amica Fanny e facciamo la notte in Cardiologia con 36 pazienti e un posto a stipendio fisso e contratto indeterminato naturalmente.

Voi che siete così grandi lo sapete cosa vuol dire essere lontani dalla propria famiglia? Dalla propria casa? Dagli amici? Imparare una lingua da zero?

Lo sapete cosa si prova quando i genitori ti chiamano su Skype per comunicarti tutto quello che succede e tu non puoi toccarli? Lo sapete che anche i lutti si comunicano via Skype?

Lo sapete che noi BAMBOCCIONI, CHOOSY, FIGLI DI PAPÀ dobbiamo avere sempre un deposito di soldi per le emergenze, perché beh, se succede qualcosa devi essere pronto a prendere il primo volo che c’è?

Non sapete niente voi, perché siete ignoranti e non sapete niente di come si vive LOTTANDO. Voi pensate solo a sparare con la bocca parole a cui non date peso".

Carlotta






Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2018 alle 20:27 sul giornale del 20 marzo 2018 - 5292 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, pesaro, germania, vivere pesaro, news pesaro, quotidiano on line pesaro, giovani all'estero, articolo, Carlotta Ballarini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aSPn





logoEV
logoEV
logoEV